A TCFormula 1

F1 | VOTA – Hamilton in Ferrari: il gioco vale la candela?

VOTA – La Ferrari abbandona Sainz per la suggestione Hamilton: inutile salasso o mossa vincente? il dibattito è acceso.

L’approdo di Lewis Hamilton in Ferrari genera, inevitabilmente, grandi discussioni: vota nel sondaggio all’interno dell’articolo e facci conoscere la tua opinione!

f1 hamilton ferrari leclerc sainz vota sondaggio 2025 vasseur elkann
(Photo by Jakub Porzycki/NurPhoto via Getty Images)

Il “pollaio” di Maranello apre le porte ad un altro gallo. Per anni le voci si sono rincorse a fasi alterne, per anni il flirt tra Sir Lewis ed il Cavallino è periodicamente tornato alla ribalta, facendo sperare o disperare – a seconda di come la si guardi – parte della tifoseria.

Le possibilità di vedere il fuoriclasse britannico ornarsi del rosso cimiero con le effigi del Cavallino Rampante sembravano essersi dissolte al momento del rinnovo con Mercedes. E invece no. La notizia è giunta come una folgore inaspettata in un’ordinaria mattinata invernale.

Tanto inaspettata quanto imponente, la voce del matrimonio tra Lewis Hamilton e la Ferrari ha preso sempre più consistenza durante la giornata, arrivando nelle sale del quartier generale Mercedes dove Toto Wolff ha dovuto annunciare alla squadra l’addio dell’asso inglese.

I social, come prevedibile, sono impazziti ed il dibatto si è infiammato. Lewis Hamilton è un colpaccio per la Ferrari o si rivelerà solo un salasso economico e sportivo? E viceversa, il Cavallino sarà per l’inglese la ciliegina sulla torta di una carriera eccezionale o condurrà Lewis ad inutili dispiaceri?


Leggi anche: F1 | Titolo Ferrari vola in borsa: effetto Hamilton? Non proprio…


Mediaticamente il colpo ha pochi precedenti: la scuderia più vincente della storia porta a sé il pilota più vincente della storia, seppur non nel suo periodo d’oro. Per alcuni la mossa è azzeccata, Hamilton sarà uno stimolo per l’ambiente tutto, per la squadra e per lo stesso Leclerc: la sua innata propensione alla vittoria porterà benefici e voglia di alzare sempre più l’asticella. Per non parlare dei segreti che un pilota come Lewis può portarsi dalla Mercedes e le preziose indicazioni che può fornire per la crescita della vettura. Inoltre la presenza del 39enne di Stevenage catalizzerà su Ferrari l’attenzione di molti, aumentando l’appeal del Cavallino anche nell’ottica del mercato ingegneri.

Ma questa opinione non vale per tutti. Se alcuni sono entusiasti, altri sono maggiormente cauti. Lewis Hamilton è certo nell’olimpo del motorsport, ma è ormai nella fase calante della carriera e giungerà a Maranello all’alba dei quarant’anni a cifre che probabilmente non saranno proprio economiche per la Scuderia. Non solo, mettere due galli in un pollaio è da sempre pratica sconsigliabile e la gestione del duo rosso rischia di essere complicata e potenzialmente dannosa.

 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter