F1 | Warning per Horner per aver dato della canaglia a uno steward

Il team principal della Red Bull era finito sotto investigazione per aver dato della canaglia allo steward che aveva esposto in qualifica la doppia bandiera gialla. Per questo, ad Horner, è stato comminato un warning. Inoltre, dovrà partecipare al programma di addestramento degli steward a febbraio.

horner commissario canaglia
credits Getty images

Nel pre-gara del GP del Qatar, a seguito della penalizzazione di Verstappen sulla griglia di partenza per non aver rallentato in regime di doppia bandiera gialla in qualifica, Horner si era lasciato andare a dichiarazioni offensive contro lo steward che stava sventolando le bandiere gialle.

Il team principal Red Bull, in particolare, aveva dato della canaglia al marshall che stava sventolando la bandiera gialla sebbene tutti gli altri indicatori davano pista pulita.

“Purtroppo c’era una bandiera gialla, Max semplicemente non l’ha vista. Ha visto quello bianco (il pannello), ha visto la macchina, ha visto anche una luce verde sul lato destro. Penso che sia solo un marshall disonesto che ha tirato fuori la bandiera gialla. Non gli è stato ordinato dalla FIA, devono avere il controllo dei commissari.”, aveva tuonato Horner.

Leggi anche: F1 | GP Qatar – Perez: “Gara estenuante, avevamo il podio in tasca. Pronti a dare il massimo per il campionato costruttori.”

A seguito di queste parole, subito dopo la gara, è stato convocato dai commissari per aver violato i punti f e k dell’articolo 12.2.1 del codice sportivo internazionale. Dopo il procedimento, Horner ha ricevuto un warning ufficiale. Egli stesso si è però proposto di scusarsi con il commissario e di spiegare ai media che non aveva intenzione di offendere. Infine, si è offerto anche di partecipare al programma di addestramento dei marshall del prossimo anno.

I commissari hanno accettato tutte queste proposte e il procedimento si è chiuso con la sola ammonizione per il manager.

Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

 

Nicola Fedeli

Laureato in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali. Grande appassionato di F1 e MotoGP fin da piccolo.