F1 | Wolff risponde alle accuse di Horner: “Hamilton non è un pilota sporco e disonesto”

Toto Wolff, capo della Mercedes ha risposto alle parole di Christian Horner, assicurando che Lewis Hamilton è l’esatto contrario di un pilota sporco. La polemica continua.

Wolff Horner Hamilton sporco
Foto Mercedes-AMG PETRONAS F1 Team

Toto Wolff, capo della Mercedes ha risposto alle parole di Christian Horner, assicurando che Lewis Hamilton è l’esatto contrario di un pilota sporco. La polemica continua. Nello scorso GP di Gran Bretagna, Hamilton e Verstappen hanno combattuto al limite per la maggior parte del primo giro della gara. Nessuno dei due voleva cedere a Copse e, dopo un tocco tra di loro, Max ha sbattuto forte contro le protezioni. Il sette volte campione britannico ha ricevuto una penalità di 10 secondi per la sua azione, ma si è rivelata insignificante in quanto alla fine ha vinto la gara. Nel garage della Red Bull sono scoppiate scintille e lo stesso Christian Horner ha assicurato che si era trattato di una manovra disperata e persino di una guida sporca.


Leggi anche

F1 | Team radio di Leclerc durante gli engine cut: attimi di panico


Come potrebbe essere altrimenti, il boss della Mercedes è uscito in difesa del suo pilota di punta. Toto Wolff assicura che Lewis Hamilton è l’esatto contrario di un pilota sporco e sottolinea che questo incidente non gli ha causato grandi disagi. “Ognuno ha un’opinione, e va bene. Naturalmente, ogni squadra avrà il proprio giudizio su incidenti come questo”, ha commentato Toto Wolff sull’incidente, secondo il sito web Crash.net. “Quando senti i commenti sulla sua guida e sull’incidente, Lewis è l’opposto di qualcuno che guida sporco. È uno sportivo. Non abbiamo visto incidenti importanti con lui e quindi mantiene il suo comportamento corretto in gara. Abbiamo visto che l’incidente non lo ha particolarmente infastidito”, ha aggiunto l’austriaco.

La polemica, sicuramente, continuerà a restare nel paddock per un buon periodo di tempo. La Red Bull, infatti, ha messo il caso Silverstone nelle mani di un avvocato per vedere cosa si può fare in una situazione del genere.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Alessia Malacalza

Classe 2000, aspiro a lavorare nel mondo dello sport. Studio Comunicazione d'impresa e relazioni pubbliche a Milano.