F1 | Wolff sul futuro di Lewis Hamilton in Formula 1: “Può andare ancora lontano”

Il sette volte campione del mondo potrebbe correre ancora per diversi anni. Ancora da raggiungere l’accordo per il contratto dopo il 2023.

Hamilton raggiunge la sua 305esima gara e Wolff parla del suo futuro in F1 © Mercedes AMG F1
Hamilton raggiunge la sua 305esima gara e Wolff parla del suo futuro in F1 © Mercedes AMG F1

Hamilton corre in Formula 1 dal 2007 e a Singapore ha partecipato alla gara numero 305. In quanto a vittorie in carriera ha battuto tutti con 103. Sono quasi il 34% dei GP corsi, più di un terzo. Poi sette titoli mondiali piloti, otto costruttori. Statistiche simbolo di una carriera impressionante che, con l’avanzare degli anni, portano a una sola domanda: quanto potrà andare avanti? A rispondere ci ha provato Toto Wolff, suo team principal dal 2013.

“Ci conosciamo molto bene e siamo completamente trasparenti l’uno con l’altro. Parliamo di molte cose, incluso il futuro” ha detto il boss Mercedes a Channel 4.

“Lewis sarà il primo a dire ‘non ce la faccio più’ se dovesse capire di non avere più i riflessi necessari o ‘non mi diverto più’ perché c’è una nuova generazione fortissima”.

 “Qualunque sia l’accordo che raggiungeremo per un’estensione del contratto, che ci sarà, non avremo problemi a parlare apertamente dei piani per il futuro. Non ho dubbi”.

Hamilton ha 37 anni. Nel 2023, ultima stagione in cui ha ufficialmente un contratto, supererà i dieci anni alla guida di una Mercedes. Quest’anno non ha avuto molte occasioni di vincere e si è trovato molto lontano dal dominio di qualche anno fa, ma è ancora competitivo. La macchina non è mai veramente andata e forse lui ha un po’ di pazienza in meno di Russell, abituato ai problemi Williams. Sul podio, comunque, è salito sei volte e non sembra voler mollare tanto presto.


Leggi anche: F1 | GP Singapore – Domenica da dimenticare in Mercedes, Wolff: “Non siamo riusciti a capitalizzare”


Il record di gare disputate nella categoria regina del motorsport lo detiene Alonso, che lo scorso weekend ha toccato quota 350. Lo spagnolo di Alpine ha superato i 40 anni di età. Prima di lui nella F1 recente ci era riuscito solo Raikkonen. Entrambi sono saliti sul podio dopo i 39. Secondo Wolff, anche Hamilton potrebbe unirsi a queste statistiche in futuro.

“Non sono sicuro che i 40 siano l’età in cui non si è più adeguati a fare i piloti” ha continuato il boss Mercedes.

 “Se guardiamo dov’è Fernando [Alonso] a 41 anni, è ancora lì davanti. Poi ci possiamo chiedere se sia lo stesso Fernando di quando aveva 25 anni. Io non lo so, ma è ancora molto competitivo”.

 “Tom Brady [giocatore NFL], che io ammiro molto per il suo stile di vita e la sua carriera sportiva, ha 43-44 anni. Ed è ancora in campo”.

 “Lewis, con il modo in cui affronta la sua vita e il suo impegno costante verso la Formula 1, potrebbe andare ancora molto lontano”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter