F1 | Wolff sulla Red Bull: “Non bastano quindici uomini per avere un buon motore”

Toto Wolff ha commentato il recente annuncio fatto da Red Bull secondo cui diversi ex membri del team Mercedes si occuperanno del nuovo motore.

motore red bull
Foto: unknown

Quello riguardante la Red Bull e il suo motore è stato uno dei principali temi degli scorsi mesi. Dopo l’annuncio dell’addio di Honda al mondo della Formula 1, Christian Horner ed Helmut Marko si son trovati a dover cercare un nuovo fornitore per il 2022. Dopo diverse valutazioni si è arrivati all’approvazione da parte degli altri team del congelamento delle power unit. Questo accordo ha fatto sì che Red Bull rilevasse il progetto del motore Honda in modo da poterlo sviluppare in maniera autonoma.

A tal proposito, negli ultimi giorni è arrivato l’annuncio dell’ingaggio di diversi ex membri del team Mercedes che si dedicheranno al nuovo motore. Anche Toto Wolff in una recente intervista ha commentato la notizia. “Noi abbiamo circa novecento persone che lavorano a Brixworth. Loro hanno cercato di ingaggiarne un centinaio ma per ora ne hanno convinti poco più di dieci. Tra l’altro quelli che hanno accettato di andare in Red Bull si occupano per lo più della produzione e non della performance vera e propria. Certamente se devi iniziare a produrre un motore è giusto partire da chi se ne occuperà in prima persona ma è un processo lungo che richiede molto tempo.


Leggi anche: F1 | Guenther Steiner: “Il team radio di Wolff con la FIA? Credo volesse solo pubblicità”


Sicuramente in Red Bull hanno le risorse per sviluppare una Power Unit anche se Mercedes e gli altri motoristi lo fanno da molto più tempo. Per questo credo che quindici uomini e una nuova struttura non siano sufficienti. In Formula 1 ogni grande cambiamento ha bisogno di tempo”.

Seguici anche su Instagram