F1 | Yamamoto: “Spero che Honda possa fare il suo ritorno in F1”

Honda ha abbandonato ufficialmente la F1 nel 2021 ma Masashi Yamamoto afferma che il produttore giapponese potrebbe fare il suo ritorno in futuro.

yamamoto honda red bull
foto: unknown

Honda ha corso nel 2021 il suo ultimo mondiale in F1 insieme a Red Bull e AlphaTauri. Il noto produttore giapponese aveva fatto il suo ritorno in F1 sette anni fa fornendo motori a McLaren. La compagnia avrebbe deciso di abbandonare la F1 per focalizzarsi nel raggiungere la ‘carbon neutrality’ ovvero l’impatto zero da parte del carbonio. Sia Red Bull che AlphaTauri continueranno ad utilizzare la PU sviluppata da Honda per tutto il 2022. Molti membri del produttore giapponese verranno coinvolti anche nel progetto Red Bull Powertrains a partire dal 2023.


Leggi anche:F1 | Ecclestone: “Vettel dovrebbe ritornare in Red Bull”


Honda non ha ancora commentato ufficialmente la possibilità di un ritorno in F1 ma Yamamoto crede che torneranno per un quinto tentativo: “Personalmente credo e spero che Honda faccia il suo ritorno in F1. Tutto dipenderà dai giovani appassionati di motorsport che fanno parte dell’azienda, dovrebbero provare a convincere la dirigenza, la storia potrebbe ripetersi.”

Honda è passata dal fornire il motore più lento e inaffidabile della griglia nel 2015 a giocarsi il mondiale nel 2021 con Mercedes che stava regnando incontrastata da ben 7 anni: “Anche se abbiamo avuto delle difficoltà nella logistica dovute al covid-19 siamo stati in grado di sfidare dei rivali molto forti e ne siamo usciti campioni del mondo. Questo grazie al duro lavoro dei meccanici e degli ingegneri. Non si sono mai arresi, nemmeno nei momenti più difficili e hanno trovato la forza di fare delle nuove scoperte tecnologiche.”

Yamamoto ha elogiato i suoi partner, Red Bull e AlphaTauri, affermando che senza di loro avrebbero riscontrato molte più difficoltà: “Siamo stati in grado di dimostrare la validità e l’efficacia della nostra tecnologia. Non avremmo mai potuto raggiungere questi risultati senza i nostri grandi partner, Red Bull e AlphaTauri. Lasciamo questo sport dopo aver aiutato Max Verstappen a vincere il campionato del mondo.”

Ha terminato la sua intervista facendo riferimento anche a McLaren: “Non dobbiamo dimenticarci di McLaren che ha creduto in noi nel 2015. Hanno sempre lavorato con il massimo sforzo per riuscire ad ottenere il miglior risultato possibile.”

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter