F1 | Zak Brown: “Taglio degli stipendi? Un esempio per tutti”

L’attuale CEO della McLaren parla delle possibili ripercussioni economiche del Coronavirus sui team della F1 e del taglio di stipendi attuato a Woking sul personale

brown taglio degli stipendi
© LAT Images

L’emergenza sanitaria che attanaglia il mondo intero rappresenta purtroppo una minaccia per la salute di tutti noi. Questa, però, desta grande preoccupazione anche per i risvolti negativi che incideranno sull’economia globale, F1 compresa. Lo sa bene Zak Brown (CEO McLaren) che teme un possibile addio dal Circus di alcune scuderie per le difficoltà finanziarie dovute allo stop del campionato. brown taglio degli stipendi
La F1 si trova in una situazione molto fragile, potenzialmente devastante per alcuni team e dunque per l’intero Circus. Se non gestiremo per bene la situazionequattro team rischieranno di scomparire

Torna così prepotente la discussione sul budget cap, per far si che vengano contenute ulteriormente le spese. Attualmente il limite fissato è di 145 milioni di euro, ma secondo il CEO McLaren si dovrebbe considerare una rettifica al ribasso di questa soglia:

Siamo tutti d’accordo a farlo scendere a 150 milioni di dollari (circa 138 milioni di euro) ma la maggioranza dei team, compresa una grande squadra, è d’accordo a farlo calare ancora. Questo consentirebbe ai team minori di sopravvivere e di poter competere in maniera più equa con i “top”, evitando che qualche squadra decida di uscire dal Circus. Pensiamo alla Premier, il Liverpool e il Manchester United vincono spesso, ma non sempre. Ogni tanto può capitare che una piccola squadra riesca a sconfiggerli. Questo è ciò che vorremmo accadesse anche in Formula 1

La scuderia britannica, per ovviare alla carenza di ricavi, ha optato per un taglio di stipendi del proprio personale, piloti compresi. Scelta condivisa e seguita solo da Williams e Racing Point. brown taglio degli stipendi

Ti piacerebbe scrivere news o approfondimenti sulla F1, MotoGP o qualsiasi altra categoria motoristica?
F1inGenerale è alla ricerca di nuovi editori.Clicca qui per info

Non è stata una scelta facile ma, sicuramente, è stata la più responsabile.  Sono dispiaciuto che solo qualche squadra abbia deciso di seguire il nostro esempio, perché penso che questo possa rappresentare un grosso pericolo per tutta la F1”.

Seguici su Instagram e Facebook

F1 | In Williams riduzione degli stipendi a causa dell’emergenza Coronavirus