Formula 1Interviste F1

F1 | Perchè Alonso lasciò McLaren nel 2007? Lo spagnolo svela il reale motivo dell’addio

Fernando Alonso ha spiegato i motivi che lo portarono a dire addio a McLaren al termine della stagione 2007, identificando Ron Dennis come la causa principale dell’inevitabile seperazione.

Che Alonso e McLaren non si siano mai amati, è un dato di fatto. Un solo anno alla corte di Woking nel 2007, finito nel peggiore dei modi (seppur in lotta per il titolo fino all’ultima gara) ed un ritorno dal 2015 al 2018 da dimenticare, hanno contribuito al difficile rapporto tra lo spagnolo e la scuderia inglese. Alonso ha spiegato i motivi che lo portarono a dire addio a McLaren al termine della stagione 2007, identificando Ron Dennis come la causa principale che portò all’inevitabile seperazione.

Alonso addio McLaren 2007
Fernando Alonso identifica Ron Dennis come la causa principale dell’addio a McLaren © Matt Bishop

Alonso identifica Ron Dennis come la causa principale dell’addio a McLaren

Nel corso della stagione 2007, l’allora team principal britannico non nascose un certo nervosismo nei confronti del pilota spagnolo, con il culmine toccato durante le qualifiche a Budapest. Nell’occasione, si ritenne che Alonso avesse volutamente ostacolato Hamilton ai box. L’obiettivo del pilota di Oviedo fu infatti quello di impedire al britannico di soffiargli la pole position.

Dennis, infuriato, venne ripreso mentre lanciava via le cuffie. Tuttavia, Alonso venne poi penalizzato in gara la Domenica, pagando a caro prezzo il gesto. La lite tra tra i due proseguì nella mattinata del Gran Premio, con l’asturiano che riportò a Dennis di avere accesso alle e-mail riguardanti lo scandalo sulla spy story ai danni di Ferrari. Non solo, Alonso minacciò Dennis di essere pronto a consegnarle alla FIA.

“Quella stagione la situazione non era ben gestita dai nostri capi”, ha ricordato Alonso al Daily Mail. “Eravamo giovani e immaturi. Eravamo molte delle cose che non siamo ora, e avevamo bisogno di un aiuto da parte del management che non abbiamo ricevuto”.

“Non potevo continuare con la McLaren”, prosegue Fernando. ”Era una squadra con gli occhi puntati solo su un lato del garage.Come ha detto Ron dopo la penultima gara in Cina, ‘la nostra gara non è con Massa, ma con Fernando’. Quando la tua squadra dice questo, non puoi continuare. Ma in una carriera si impara. Non è un segreto che non mi sia mai sentito a casa”.

Alonso addio McLaren 2007


Leggi anche: F1 | FIA respinge il ricorso sulla penalità di Sainz: Ferrari risponde con un comunicato


Un Alonso che dunque identifica in Ron Dennis e nelle sue parole come la causa principale dell’addio di Woking. Il due volte campione del mondo capì ben presto che tutto il team sarebbe stato dalla parte del rookie Hamilton, il quale diede sin da subito del filo da torcere all’ex pilota Renault.

All’epoca la McLaren rilasciò una dichiarazione in merito all’addio: “A seguito di un incontro tra Fernando Alonso e la McLaren, è stato concordato che sarebbe nell’interesse di entrambe le parti porre fine al rapporto”.

Dennis, inoltre, aggiunse: “È un grande pilota, ma per qualche motivo la combinazione Vodafone McLaren Mercedes e Fernando non ha funzionato. Siamo arrivati a un punto in cui nessuno di noi riusciva a trovare un modo per andare avanti”. L’anno seguente, Alonso tornò in Renault, ottenendo due successi ma finendo anche coinvolto nello scandalo del crash gate di Singapore 2008.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter