A TCFormula 1

F1 | Caso Horner, arriva la presa di posizione di Formula 1

Anche Formula 1 ha preso ufficialmente posizione nel caso che vede Christian Horner protagonista per un presunto scandalo sessuale con una dipendente Red Bull

In una delle vicende più intricate e complesse degli ultimi anni, che vede Christian Horner protagonista per un presunto scandalo sessuale con una dipendente Red Bull, anche Formula 1 ha rotto il silenzio, prendendo ufficialmente posizione. Come già ampiamente noto, il team principal del team di Milton Keynes per presunti ”comportamenti inappropriati e coercitivi”, in quanto avrebbe mandato messaggi a sfondo sessuale “regolarmente e per un periodo di tempo significativo”. 

Caso Horner Formula 1
Anche Formula 1 ha preso ufficialmente posizione nel caso che vede Christian Horner protagonista © F1

Formula 1 attende il verdetto definitivo sul caso Horner

“Abbiamo notato che Red Bull ha avviato un’indagine indipendente sulle accuse interne a Red Bull Racing”, rende noto Formula 1 con una breve nota pochi minuti fa.

”Ci auguriamo che la questione venga chiarita al più presto, dopo un processo equo e approfondito. Non faremo ulteriori commenti in questo momento”.

Secondo alcuni rumors, Red Bull starebbe spingendo per concludere l’investigazione prima della gara inaugurale della stagione 2024 in Bahrain, mentre inizialmente si era ipotizzato un verdetto definito anche oltre il 2 Marzo.

Nel frattempo Horner, che ha presenziato al lancio della RB20 lo scorso 15 Febbraio, ha respinto ancora una volta tutte le accuse, e si è detto fiducioso per una risoluzione senza alcuna conseguenza: ”Sono state fatte delle accuse che io smentisco in pieno. Ovviamente, mi adeguo a questo processo e continuerò a farlo”.

“Penso che sia stato molto chiaro e che la posizione della Red Bull sia stata quella di fare affari come al solito. C’è un lavoro da fare e nego pienamente le accuse che sono state fatte. Il mio ruolo ovviamente continua”.


Leggi anche: F1 | Mercedes, perché sarà un ultimo anno da separato in casa per Hamilton


Inoltre, a telecamere spente, il britannico avrebbe fatto anche una confessione a Craig Slater: “Mi ha assicurato che, se non fosse stato certo della sua innocenza, non sarebbe stato qui“.

Tuttavia, l’enorme scandalo mediatico scoppiato negli ultimi dieci giorni ha sicuramente impattato sulla serenità del team principal:Sembrava esausto, senza dubbio. Ricordate che si tratta di una persona che di solito è molto rapida, molto pronta in ogni tipo di scambio verbale.”.

”Probabilmente è, in parte, un fatto intenzionale: si rende conto della gravità della situazione. Vuole vederci chiaro, ha impressionato tante persone il fatto che fosse presente al lancio della monoposto“.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter