Formula 1Interviste F1

F1 | Caso Horner, Ecclestone prende duramente posizione sui social

Bernie Ecclestone ha risposto tramite social alle voci secondo le quali avrebbe consigliato a Christian Horner di rassegnare le dimissioni

Ecclestone Horner dimissioni
Ecclestone ha negato di aver consigliato a Horner di rassegnare le dimissioni © RB Content Pool

Nel mentre la Formula 1 scalda i motori in vista dei test in Bahrain, che daranno ufficialmente inizio alla stagione 2024, il caso relativo a Christian Horner, indagato dalla sua stessa azienda per presunti comportamenti ”inapporpriati e coercitivi”, sta facendo discutere ormai da oltre una settimana. La faccenda è ormai uscita ben oltre i confini di Milton Keynes, con anche Liberty Media e Stefano Domenicali che starebbero osservando gli sviluppi con grande attenzione.

Anche Bernie Ecclestone, secondo quanto riportato da vari media negli scorsi giorni, sarebbe intervenuto a gamba tesa nella vicenda nel ruolo di consigliere di Horner, con i due che sono amici di lunga data.

Stando ai rumors, l’ex patron della Formula 1 avrebbe consigliato addirittura al connazionale di rassegnare le dimissioni, per preservare la sua immagine pubblica ed evitare ulteriori scandali.

Io e Horner siamo buoni amici da molto tempo, Hanno accusato Christian, ma è innocente fino a prova contraria”, aveva dichiarato il britannico a sport.de pochi giorni fa, convinto dell’innocenza del suo ”assistito”.


Leggi anche: F1 | Vasseur: per Hamilton in Ferrari le due telefonate più difficili della mia vita


”Va anche considerato però che la Red Bull è un’azienda di enorme calibro, e ha gli occhi di tutti addosso. Ha bisogno di risposte”.

Questa mattina però, Ecclestone ha voluto ulteriormente chiarire la propria posizione, pubblicando le seguenti parole in un posto su Instagram: “Voglio fare chiarezza sul fatto che quanto riportato da media e giornali è completamente falso. Non ho mai consigliato né spinto Christian Horner a dimettersi dal ruolo di team principal della Red Bull”.

Horner ha terminato il primo colloquio con l’avvocato esterno ingaggiato da Red Bull lo scorso venerdì. Un colloqui che, secondo molte fonti, sarebbe durato addirittura oltre le otto ore, ma il tutto si è concluso senza un verdetto definitivo.

L’esito finale potrebbe arrivare addirittura oltre la prima gara in Bahrain, con il team principal che sarà presente sia in occasione del lancio della RB20 domani, che ai testi in Bahrain.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter