Formula 1Interviste F1

F1 | Ferrari sotto torchio: “Prima di separarmi da Sainz ci avrei pensato due volte”

Cesare Fiorio si è detto scettico della scelta presa da Ferrari di lasciar andare via Carlos Sainz a fine stagione per far spazio a Lewis Hamilton

Se mai ce ne fosse stato bisogno, Carlos Sainz ha dimostrato a Melbourne di non essere secondo a nessuno, ottenendo una vittoria difficilmente pronosticabile alla vigilia del fine settimana, considerando anche le sue precarie condizioni fisiche.

Fiorio Sainz Ferrari
Cesare Fiorio si è detto scettico della scelta presa da Ferrari di lasciar andare via Carlos Sainz © Ferrari

Come nella passata stagione, il madrileno è l’unico ad aver spezzato il filotto di vittorie consecutive di Max Verstappen, ed il successo in Australia lo mette ancor più in primo piano sul mercato piloti, in attesa che la Silly Season entri nel vivo.

La performance del madrileno in Australia ha inoltre aperto un dibattito tra tifosi e addetti ai lavori, tra chi ritiene che Ferrari abbia commesso uno sbaglio nel lasciarlo partire a fine stagione, e chi invece è convinto che prendere Hamilton rappresenti ancora la scelta giusta.

Alla discussione si è aggiunto anche Cesare Fiorio, ex direttore sportivo Ferrari, che ai microfoni di Formula Passion ha commentato: “Sainz ancora una volta è stato il pilota che, per ora, ha portato alla vittoria la Ferrari negli ultimi due anni”.

”Prima di separarmi da lui ci avrei pensato due volte. Non che Lewis Hamilton non sia un grandissimo pilota, anzi, potrebbe portare in Ferrari un grande bagaglio di conoscenze, però Sainz è fortissimo”.


Leggi anche: F1 | Alonso in Red Bull nel 2025: arrivano ulteriori conferme


Nonostante le recenti sirene Red Bull e Mercedes, con Christian Horner e Toto Wolff che hanno mostrato interesse, Fiorio ritiene che l’opzione Audi, ad oggi, resti ancora la più accreditata: Credo che Audi voglia avere Carlos Sainz come pilota di punta, una sorta di faro per guidare l’arrivo in F1 di questo grande costruttore. Il problema è che il 2025 sarebbe sicuramente un anno perso”.

Infine, l’84enne torinese ha lodato il lavoro svolto a Maranello in inverno, con la SF24 che ad oggi è dietro solamente alla RB20: “La Ferrari quest’anno è chiaramente la seconda forza in pista dietro alla Red Bull ed è già un passo avanti rispetto al 2023, quando ad alternarsi c’erano la Ferrari, la McLaren, la Mercedes e la Aston Martin. Ora la Ferrari è superiore a queste scuderie”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter