Formula 1Interviste F1

F1 | Leclerc si esprime: “Ecco cosa ne penso di Drive To Survive”

Anche Charles Leclerc ha detto la sulla tanto discussa serie Netlix Drive To Survive, che ha da sempre diviso l’opinione di tifosi e addetti ai lavori

Sin dal primo rilascio nel 2019, Drive To Survive ha sempre diviso l’opinione pubblica, formando due schieramenti ben delineati. C’è chi infatti sostiene che iniziative come quelle di raccontare la Formula 1 tramite una serie TV contribuiscano ad accrescere enormemente la popolarità dello sport, permettendo di raggiungere fette di pubblico più ampie, e c’è invece chi ritiene che la serie abbia unicamente lo scopo di generare profitti, a discapito della veridicità delle storie raccontate. 

gp bahrain leclerc fp2
Charles Leclerc ha detto la sulla tanto discussa serie Netlix Drive To Survive © Scuderia Ferrari

Anche Charles Leclerc, parlando in un’intervista concessa a F1briefings, ha voluto dire la sua sul tanto discusso prodotto di casa Netflix: ”Penso che abbia fatto solo del bene alla F1”.

”Se si guarda dov’era prima di Drive to Survive e dov’è ora, penso che sia un enorme passo avanti. E poi, naturalmente, a volte il punto di vista nel paddock è diverso da quello di chi vive un momento”.

Ciononostante, il monegasco è consapevole che l’obiettivo degli sceneggiatori non è quello di rivolgersi a chi è già pienamente immerso in questo mondo da anni, bensì a tutti coloro che sono estranei alla Formula 1, e che si affacciano allo sport per la prima volta.

Penso che abbia contribuito a dare molto impegno alle persone che non erano necessariamente appassionate di Formula 1 per capirla da un punto di vista diverso, concentrandosi maggiormente sulle persone che circondano i piloti e mostrando un po’ di più la personalità delle persone nel paddock, il che penso sia una cosa fantastica”.


Leggi anche: F1 | Steiner, la frecciata alla Haas a due mesi dal turbolento addio


”È proprio un punto di vista diverso. Credo abbia aiutato molto l’accesso alle persone che non erano necessariamente appassionate di Formula 1, ma che ora lo sono grazie a Drive to Survive. Quindi penso che sia fantastico”.

Il pensiero di Leclerc va però a collidere con i dati d’ascolto della stagione di quest’anno. Se nei primi anni la serie ha contribuito in maniera preponderante al boom di ascolti della Formula 1, soprattutto negli Stati Uniti, negli ultimi anni l’interesse sta lentamente calando. 

Nei primi tre giorni dopo il rilascio, infatti, DTS 6 ha fatto registrare il 15% in meno a livello di ore consumate e pubblico medio rispetto allo scorso anno, ed il 23.2% in meno rispetto al 2022. Una dimostrazione di come la gente, forse, abbia oggi maggiore interesse nel vedere la reale azione in pista, piuttosto che quella dipinta dagli sceneggiatori.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter