A TCFormula 1

F1 | Il Business F1 Magazine attacca, Horner prepara la controffensiva legale

Christian Horner avrebbe minacciato di intraprendere azioni legali contro il Business F1 Magazine, alla luce di un recente articolo pubblicato che conterrebbe diverse inesattezze sullo scandalo a sfondo sessuale

Più che parlare di una vicenda legata alla Formula 1, lo scandalo che vede protagonista Christian Horner si sta tramutando in un vero e proprio thriller, con diversi colpi di scena che sono ormai all’ordine del giorno e che si susseguono rapidamente.

Horner Business F1 Magazine
Il Business F1 Magazine attacca, Horner prepara la controffensiva legale © Jacopo Moretti

Dopo le recenti indiscrezioni, secondo le quali alla base della spaccatura interna in Red Bull ci sarebbe stata la volontà da parte di Horner di emulare quanto fatto da Toto Wolff in Mercedes, il manager di Leamington Spa è finito ancor di più dentro all’occhio del ciclone, in seguito alle nuove clamorose rivelazioni del Business F1 Magazine, lo stesso che aveva fatto venire a galla il caso di conflitto d’interessi tra Wolff e la moglie Susie lo scorso Novembre.

Secondo Tom Rubython (co-fondatore del Magazine insieme a Bernie Ecclestone), infatti, il CEO Red Bull Oliver Mintzlaff aveva già deciso di allontanare Horner con effetto immediato, con il team che aveva addirittura già pronto un comunicato ufficiale: “Red Bull GmbH conferma che Christian Horner ha lasciato la Red Bull Racing con effetto immediato. Red Bull GmbH non farà ulteriori commenti sulla questione”.

Oltre a ciò, nell’articolo viene anche citato il nome della dipendente suo malgrado protagonista della vicenda, e viene inoltre raccontato di come la donna sia crollata a margine di un weekend di gara, e piangendo, abbia vuotato il sacco per la prima volta con i colleghi. 

La controffensiva di Horner

Tuttavia, Horner non ha intenzione di restare a guardare, ed avrebbe già pronta la controffensiva legale contro il magazine.

Secondo quanto riportato dal Telegraph poco fa, i legali del britannico avrebbero inviato due lettere in cui si accusava la rivista di ”aver pubblicato un articolo “illegale”, diffamatorio ma anche in contrasto con i diritti alla privacy e alla protezione dei dati”, chiedendo anche l’immediata rimozione dello stesso.

“Il pezzo è pieno di imprecisioni ed è soggetto a denuncia legale”, avrebbe inoltre affermato un portavoce Red Bull alla testata britannica.


Leggi anche: F1 | Il GP d’Arabia Saudita cambia location: ufficiale il layout del nuovo circuito di Qiddiya – VIDEO


Rubython ha successivamente confermato di aver ricevuto avvisaglie legali da parte degli avvocati di Horner, tuttavia non si è detto disposto a rimuovere l’articolo dal sito: “Abbiamo detto loro che non toglieremo l’articolo dal nostro sito web. Se vogliono che ciò accada, devono chiedere un’ingiunzione”.

“Abbiamo parlato con la Red Bull, non abbiamo parlato con Christian. Non abbiamo parlato con Christian perché sapevamo che avremmo ottenuto immediatamente…la cosa peggiore che si possa avere prima della pubblicazione è un’ingiunzione. Sapevamo cosa sarebbe successo immediatamente. Ho parlato con lui ieri e ho ricevuto immediatamente il ‘Deve parlare con il mio avvocato”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter