Formula 1News Formula 1

Sainz-Audi: prima l’ultimatum, ora il dietrofront con l’annuncio di Hulkenberg?

Dopo aver messo forte pressione, Audi sembrerebbe ora aver allentato la presa su Carlos Sainz, nonostante lo spagnolo resti la scelta numero uno per il 2026

Audi ha piazzato il primo colpo importante in vista dello storico debutto in Formula 1 nel 2026, in attesa di capire come si evolverà la trattativa legata a Carlos Sainz. Nella giornata di ieri, infatti, Sauber ha ufficializzato l’ingaggio di Nico Hulkenberg, con il tedesco che lascerà Haas a fine stagione per accasarsi in Stake nel 2025.

Sainz Audi
Sainz – Audi: prima l’ultimatum, ora il dietrofront con l’annuncio di Hulkenberg? © Scuderia Ferrari

A 36 anni suonati e con un ritiro temporaneo dalle scene durato due anni, il nativo di Emmerich ha dimostrato di poter essere ancora un grande protagonista nella Formula 1 di oggi, trascinando la scuderia americana sia nella passata stagione che in questo inizio 2024.

Hulkenberg ha infatti conquistato ben 4 dei 5 punti ottenuti da Haas in queste prime 5 gare, permettendo ad Haas di occupare al momento la settima posizione nei costruttori, nonostante le bassissime aspettative alla vigilia dei test in Bahrain.

Consapevole di avere tra le mani un pilota solido ed affidabile, Audi ora non ha più particolare fretta di bloccare subito Carlos Sainz, il quale attende ancora di conoscere la sua prossima destinazione.


Leggi anche: Domenicali favorevole all’aumento di weekend sprint in calendario


Secondo quanto riportato da Auto Motor Und Sport, infatti, la casa dei quattro anelli, dopo aver messo grande pressione allo spagnolo nelle ultime settimane, avrebbe deciso di fare dietrofront, optando adesso per l’attesa.

 Il ferrarista resta comunque l’opzione numero uno come prima guida, ma è plausibile a questo punto pensare che le trattative proseguiranno anche nelle prossime settimane. 

Nonostante i forti legami tra la famiglia Sainz e Audi, Carlos non ha chiaramente intenzione di disputare una stagione nelle retrovie in Stake, non avendo nemmeno la certezza di poter disporre di una monoposto competitiva nel 2026.

Difficilmente percorribile anche lo scenario Red Bull, salvo un clamoroso addio di Max Verstappen che andrebbe a rimescolare le carte. Resta invece sempre viva l’opzione Mercedes, anche se Toto Wolff ha ribadito a più riprese di voler prendere tempo prima di ufficializzare il sostituto di Lewis Hamilton.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter