Formula 1Interviste F1

F1 | Chi è quel “qualcuno” che vuole spodestare Horner in Red Bull?

Dopo aver negato di aver consigliato a Christian Horner di dimettersi, Bernie Ecclestone è tornato a parlare della crisi interna a Red Bull

Ecclestone Horner
Bernie Ecclestone è tornato a parlare del caso Horner © Red Bull

Sono giornate molto movimentate a Milton Keynes, tra i primissimi chilometri in pista della RB20 a Silverstone ed il lancio ufficiale della monoposto, che verrà svelata questa sera alle 20:30. In tutto ciò, la scuderia di Milton Keynes è anche alle prese con una crisi interna che coinvolge i piani alti, e che vede Christian Horner appeso a un filo dopo le gravi accuse (da lui fortemente negate) mosse nei suoi confronti negli scorsi giorni.

Ecclestone torna a parlare del caso Horner

Oltre a Liberty Media, che starebbe monitorando gli sviluppi con grande attenzione, anche Bernie Ecclestone, che secondo molti avrebbe consigliato al connazionale di dimettersi per ”preservare la sua immagine pubblica”, è tornato a parlare del caso, gettando ulteriormente benzina sul fuoco in una vicenda già estremamente delicata.

Credo che all’interno della Red Bull ci sia qualcuno che vuole spodestare Horner”, esordisce l’ex patron della Formula 1 in un’intervista concessa ad AFP.

”La morte di Mateschitz ha creato un vuoto ed un rimescolamento a livello di top management, una situazione propizia per chi ha ambizione di scalare le gerarchie dell’organigramma Red Bull”.

”Quando si ha grande successo è normale avere tanti nemici. Quello che secondo me deve fare Horner è tenere la testa bassa e continuare un lavoro che ha portato successo non solo alla Red Bull, ma a tutto il mondo della F1″.


Leggi anche: F1 | Hamilton “ha notato qualcosa che il mondo ancora non sa” passando in Ferrari


Il consiglio di Ecclestone è chiaro: niente commenti sulla vicenda e massimo riservo, in attesa di capire come l’investigazione condotta dall’avvocato esterno, che ha ascoltato Horner in un colloquio per oltre otto ore, andrà a finire.

Nella giornata di ieri, inoltre, il magnato britannico aveva preso duramente posizione sui social, affermando di non aver mai consigliato a Horner di rassegnare le dimissioni: “Voglio fare chiarezza sul fatto che quanto riportato da media e giornali è completamente falso. Non ho mai consigliato né spinto Christian Horner a dimettersi dal ruolo di team principal della Red Bull”.

Il team principal di Leamington Spa presenzierà questa sera al lancio ufficiale della RB20, con Max Verstappen e Sergio Perez che hanno già portato in pista la nuova vettura a Silverstone per il primo shakedown.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter