Formula 1

F1 | Alpine allo sbando più totale: saltano le prime teste dopo il disastro in Bahrain

Dopo il disastroso weekend in Bahrain, iniziano a saltare le prime in casa Alpine, con il direttore tecnico e capo dell’aerodinamica che hanno rassegnato le dimissioni

Se il 2023 ha rappresentato un’annata deludente per Alpine, l’inizio della stagione 2024 ha assunto i connotati di un vero e proprio horror per la scuderia francese. Non è bastato infatto il pesante terremoto dirigenziale della scorsa pausa estiva a risollevare il brand transalpino, con i responsabili del progetto tecnico della A524 Matt Harman e Dirk De Beer che hanno rassegnato le dimissioni in seguito al disastroso fine settimana in Bahrain appena terminato.

Alpine Bahrain
Alpine totalmente allo sbando: saltano le prime teste dopo il disastro in Bahrain © Alpine

Secondo terremoto in arrivo in casa Alpine

Dopo essere stati eliminati in Q1 rispettivamente in penultima e ultima posizione nella giornata di ieri, il risultato finale in gara non è cambiato granché, con Esteban Ocon e Pierre Gasly che hanno concluso la gara solamente davanti a Valtteri Bottas e Logan Sargeant, entrambi falcidiati da problemi.

Secondo quanto raccolto dal nostro inviato nel paddock di Sakhir, sia Harman che De Beer avrebbero rassegnato le dimissioni ancor prima del primo weekend stagionale, con entrambi che hanno però presenziato in pista nei rispettivi ruoli e continueranno a farlo nell’immediato futuro.

Harman è entrato in carica nel team come capo progettista nel 2018, per poi essere promosso a direttore degli ingegnerei ed infine direttore tecnico lo scorso anno. L’olandese ha invece presto il posto di Pete Machin nel ruolo di Head of Aerodynamics nel Novembre 2019.

Sin dai test è apparso evidente come la A524 fosse un progetto decisamente in ritardo rispetto alla concorrenza, con la vettura che accusa gravi mancanze di carico aerodinamico ed un eccessivo peso rispetto a tutte le altre monoposto.


Leggi anche: F1 | GP Bahrain – Wolff si arrende ad un Verstappen “di un’altra galassia”


Parlando al termine delle qualifiche ieri pomeriggio, Bruno Famin, che ha ereditato la carica di team principal da Otmar Szafnaeur la scorsa estate, ha dichiarato: “Sapevamo che l’inizio della stagione sarebbe stato difficile, e così è stato anche in Bahrain”.

”Detto questo, stiamo facendo tutto il possibile con quello che abbiamo in questo momento. Continueremo a trovare miglioramenti e a fare progressi ogni volta che saremo in pista. Il merito va alla squadra e ai piloti per gli sforzi compiuti qui in Bahrain nelle ultime due settimane. L’affiatamento della squadra è evidente”.

“La prossima settimana andremo a Jeddah, una pista completamente diversa da quella del Bahrain, che ci offrirà una nuova opportunità per continuare a imparare e migliorare il nostro pacchetto A524. Il duro lavoro continuerà”.

Vedendo il disastroso risultato in Bahrain, è difficile immaginare Ocon e Gasly a punti nella prossima gara in Arabia Saudita, con la scuderia francese che dovrà ricorrere presto ai ripari per evitare che anche il 2024 si tramuti in un calvario.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter