Formula 1

Ecclestone su Putin dopo l’invasione dell’Ucraina: “Uomo onorevole”

Nei giorni dell’attacco militare all’Ucraina da parte dell’esercito russo, torna a farsi sentire Bernie Ecclestone. L’ex boss della Formula 1 ha elogiato e difeso Vladimir Putin, definendolo una persona onorevole e diretta. L’inglese ha poi espresso un suo parere sull’opportunità di cancellare il GP di Russia.

Ecclestone Putin Ucraina

Bernie Ecclestone, intervistato da Times Radio sulla situazione tra Russia e Ucraina e i risvolti che avrà sulla F1, ha come al solito fatto parlare di sé, rilasciando dichiarazioni controverse in difesa di Putin.

L’ex patron della F1, in passato, aveva già espresso più di una volta la sua ammirazione smisurata nei confronti dell’attuale capo del Cremlino. Ecclestone era infatti arrivato a dire che se qualcuno avesse una mitragliatrice e fosse pronto a sparargli, io sarei disposto a mettermi davanti a lui“. 

Dopo l’invasione non provocata dell’Ucraina e la paura che ciò possa condurre a una guerra generalizzata in Europa o addirittura nel mondo, il suo giudizio non è cambiato. “Come può chiunque giudicare esattamente cosa sta succedendo oggi? Putin è una persona molto diretta e onorevole. Ha fatto esattamente quello che diceva che avrebbe fatto senza discutere”, ha dichiarato ai microfoni di Times Radio.

Leggi anche: F1 | FAU chiede la sospensione delle licenze FIA dei piloti russi

Per quanto riguarda la F1 e l’opportunità o meno di correre il GP di Russia, Ecclestone è chiaro. “Penso che dipenda da come sarà la situazione tra Russia e Ucraina. Non credo farà alcuna differenza correre o no in Russia con quello che accade nel mondo. La decisione riguardo al fare o meno l’evento spetta all’intero gruppo FIA e Formula 1, valuteranno loro se è corretto o no. Io non penso che correre lì danneggerebbe l’immagine della Formula 1 e non vedo perché la F1 dovrebbe necessariamente prendere le stesse decisioni che sono state prese in altri sport come il calcio”.

A tal proposito, qualche giorno fa, la Formula 1 ha dichiarato che “nelle condizioni attuali è impossibile correre in Russia”. Per ora il Gran Premio è stato quindi cancellato, anche se il comunicato non pare essere definitivo sulla questione. Qualora la situazione dovesse migliorare, ricordando che il GP di Russia era in programma per settembre, la Federazione potrebbe reintegrare l’evento in calendario.

Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter