Formula 1Interviste F1

F1 | A Monaco è pericolo banner pubblicitari, Norris e Stella attaccano: “È inaccettabile”

In McLaren si sono lamentati del pericolo banner pubblicitari di Monaco dopo che uno di questi ha quasi compromesso la qualifica di Norris.

Non solo pista stretta e muretti ravvicinati. Nelle libere e qualifiche a Monte Carlo è emerso anche il problema dei banner pubblicitari. Lando Norris ed Andrea Stella hanno entrambi evidenziato questo nuovo pericolo a Monaco etichettandolo come inaccettabile.

lando norris norris stella pericolo monaco mclaren banner pubblicitari gp monte carlo 2024
Lando Norris ha parlato del pericolo banner pubblicitari sulla pista di Monaco © Getty Images

La lamentela nasce da quanto successo nel Q1 a Norris. L’inglese infatti, a pochi minuti dalla fine della sessione, ha raccolto un cartellone pubblicitario che gli si è infilato sotto la macchina.

Questo lo ha obbligato a tornare ai box per rimuoverlo mentre era in una posizione a rischio esclusione. Nel caso non fosse riuscito a passare il taglio, sarebbe stato un completo disastro.

“Ho dovuto rientrare ai box perché si staccasse e questo non dovrebbe accadere in Formula 1” ha spiegato il pilota McLaren. “È un po’ stupido, secondo me”. 

“Noi piloti abbiamo detto che sarebbe successo di nuovo e loro hanno detto che l’avrebbero sistemato. Ma ovviamente non è stato risolto”.

“Devono trovare una soluzione migliore dei semplici adesivi. Qui tocchiamo i muri. Non è accettabile che possa rovinare l’intero weekend. Devono trovare una soluzione migliore”.


Leggi anche: F1 | Red Bull non domina più, Marko rivela una situazione preoccupante: “Manca correlazione”


A fare eco a Norris è arrivato anche Andrea Stella che ha evidenziato come il pericolo cartelloni pubblicitari possa influenzare la gara di Monaco.

“Quello che è successo in Q1 è qualcosa che non dovrebbe accadere e non è all’altezza degli standard dei circuiti di gara”.

“Abbiamo preso un banner sotto la macchina e la vettura ha perso una quantità di carico pari a tre secondi al giro”.

“Non dovrebbe accadere che la vettura sia compromessa da questo tipo di problemi che si sono presentati fin dalle prime prove libere. Non è che all’improvviso in qualifica si stacchino le bandiere. Il problema si è presentato in ogni singola sessione e dobbiamo risolverlo”.

Perez escluso in Q1 a causa della pubblicità?

I McLaren non sono stati gli unici a lamentarsi di questo aspetto. Anche Sergio Perez infatti ha incolpato un detrito pubblicitario per la sua esclusione in Q1.

“È stato un disastro perché nel mio giro ho trovato molto traffico in curva 6 e 7. Alla 8 invece c’erano degli adesivi, quindi ho dovuto evitare tutto questo”, ha rivelato il messicano.

“Ho perso un paio di decimi che sarebbero stati sufficienti per passare. Ero a mezzo secondo dalla P1. Purtroppo è stato un vero disastro”.

I piloti dovranno dunque stare molto attenti in gara. Se dovessero raccogliere un detrito di questo genere la loro corsa potrebbe essere totalmente compromessa.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Copertina © McLaren F1 Team

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.