Formula 1

F1 | Albon – Sargeant, gli incidenti si pagano caro: più di 2 milioni il costo per Williams

Gli incidenti avuti da Albon e Sargeant in Australia e Giappone avranno un costo molto elevato sulle casse della Williams.

Un inizio di stagione decisamente complicato per il team di Grove. Oltre agli zero punti raccolti finora, la squadra inglese deve affrontare il problema telai. Gli incidenti avuti da Albon e Sargeant negli ultimi due weekend stanno infatti costringendo Williams a sostenere un grosso lavoro, e costo, non previsto.

costo incidenti williams alex albon logan sargeant crash talaio gp australia melbourne suzuka giappone 2024 grove james vowles
Alex Albon dopo l’incidente in Austrlia © F1

Il team di Grove, nella seconda parte della passata stagione, aveva deciso di concentrare gli sforzi sulla monoposto 2023 e quindi di iniziare il 2024 con solo due telai a disposizione. Questo a causa delle strutture vecchie e limitate dell’azienda.

Una scommessa che però non ha pagato. La speranza del team infatti era quella di poter sopperire ad eventuali incidenti con riparazioni in loco. L’incidente di Albon in Australia ha però il via ad importanti complicazioni.

Nell’impatto infatti, il telaio è rimasto talmente danneggiato che Williams ha dovuto rispedirlo in Inghilterra per le riparazioni. Questo, naturalmente, ha ritardato ancora di più la produzione della terza unità.

La situazione si è ripetuta anche in Giappone. Se il crash di Sargeant non ha avuto conseguenze sul telaio, lo stesso non si può dire di quello di Albon in gara. L’impatto con le barriere ha infatti danneggiato anche l’ultimo telaio “sano” rimasto (quello dell’Australia era sulla macchina dell’americano).

Williams dunque si è trovata nuovamente obbligata a mandare in Inghilterra la scocca per le riparazioni. Questo problema ritarderà ulteriormente la produzione di uno chassis di scorta, attualmente previsto per Miami.

Quanto sono costati gli incidenti alla Williams?

Stando a quanto riportato da The Race, gli incidenti di Albon e Sargeant hanno causato alla Williams un costo di più di 2 milioni di dollari.

A far lievitare questa cifra è stata anche la logistica. Il fatto che gli incidenti siano avvenuti in Australia e Giappone ha infatti fatto salire notevolmente i costi di trasporto per mandare a Grove i telai danneggiati e da lì portarli al GP successivo.

Inoltre, in epoca di budget cap, una cifra del genere potrebbe avere un grosso impatto sul proseguo della stagione.


Leggi anche: F1 | L’inspiegabile crisi Mercedes, Wolff: “Vediamo 70 punti di carico in più. Non ha alcun senso”


Ogni team infatti stanzia un tot di denaro per coprire il costo degli incidenti. Non è utopistico pensare che, a causa dei botti degli ultimi due weekend, Williams sia già molto vicina a questa soglia.

Ulteriori imprevisti potrebbero quindi andare limitare il budget per i futuri sviluppi. Questo naturalmente sarebbe un enorme problema visto quanto è serrata la battaglia dietro ai top team.

Inoltre, le continue riparazioni porteranno sicuramente ritardi negli aggiornamenti. Questi andrebbero ad aggiungersi a quelli già accumulati in inverno. Una situazione assolutamente non ideale per una Williams che, già dalla Cina, spera di non avere più problemi.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Copertina © Getty Images