Formula 1Interviste F1

F1 | Alpine sull’orlo del baratro: “Pressione immensa su Bruno Famin”

Alpine continua a deludere in F1 e le sue personalità di spicco ora rischiano grosso, compreso il team principal e vice presidente Bruno Famin.

Bruno Famin sotto immensa pressione, la sua posizione è a rischio se Alpine non dovesse portare risultati in F1. Il team francese sta attraversando un periodo nero, dopo aver stravolto il concept del 2023 con la nuova A524. Una monoposto rivelatasi cronicamente sovrappeso, mal bilanciata e con una power unit che resta, ad oggi, la peggiore della griglia.

F1 Alpine Bruno Famin baratro
Pierre Gasly ed Esteban Ocon a Suzuka – Renault SAS

La gravità della propria condizione, in Formula 1, dipende dal supporto che si ha alle spalle. Scuderie come Haas o Williams non sono estensioni di grandi case automobilistiche, il che può, almeno in parte, giustificare annate o periodi bui. Ma quando un team dovrebbe reggere la bandiera di un grande marchio, ci si aspetta quantomeno una buona dose di competitività. Alpine, in questo, sta fallendo clamorosamente.

Il team francese, ormai da molti anni tornato nel Circus – e precedentemente denominato Renault – ha trovato, dal 2016, una sola vittoria. A questa vanno ad aggiungersi sette podi, con un miglior risultato in Classifica Costruttori (4° posto) raggiunto nel 2018 e nel 2022. Nel mezzo, tanta incostanza di rendimento e scelte manageriali discutibili, come il trattamento riservato ad Oscar Piastri e Fernando Alonso.


Leggi anche: F1 | Adrian Newey concede un indizio sul suo futuro nelle corse


Ho parlato con Bruno Famin, mi ha spiegato le solite cose – ha raccontato il reporter di Sky Sports Ted KravitzMi ha detto che stanno modificando processi e concetti di design. Anche se fosse vero, questo non significa che avrà meno pressione sulle spalle da parte del boss Renault, Luca de Meo, che vuole risposte e prestazioni. La Renault non è in Formula 1 per chiudere in 15esima e 16esima posizione“.

Concedere del tempo ai nuovi team è doveroso, per far sì che si adattino alla competizione. Alpine questo tempo lo ha avuto ed è il momento di dare risposte. Con grandi entità che bussano alle porte della Formula 1 e che fanno pressione per un posto in griglia – si pensi ad Andretti – ritrovare competitività nel breve periodo sarà un imperativo.

Foto Copertina: Renault SAS

Seguici in Live Streaming su Twitch

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter