Formula 1

F1 | Analisi della partenza di Leclerc a Jeddah: che coraggio il monegasco!

Vediamo un’analisi della partenza di Charles Leclerc nel GP di Arabia Saudita, che lo ha visto lottare con Perez tra i muretti di Jeddah.

La partenza di Jeddah ha visto Leclerc lottare con Sergio Perez: ecco un’analisi dello scatto del monegasco e delle fasi successive.

Lo stacco della frizione

Le fasi iniziali della partenza di Leclerc sono molto buone. Prima dello spegnimento dei semafori il motore è nella finestra perfetta per la partenza (circa 9800 giri motore nel caso di Ferrari). Ciò si può notare anche dai led accesi nel volante, una configurazione caratteristica del monegasco e diversa per Sainz ad esempio. Non appena si spengono i semafori quindi, Leclerc rilascia subito la frizione senza pattinamenti.

Analisi Partenza Leclerc Jeddah
Gli attimi appena precedenti lo spegnimento dei semafori

Il suo stacco è particolarmente buono, tanto che nelle prime fasi dell’accelerazione guadagna addirittura nei confronti di Verstappen che è costretto a chiudere l’interno. Ecco però che dall’esterno spunta la sagoma di Sergio Perez, che ha trovato una partenza perfetta (aiutato anche dal lato pulito) addirittura migliore di quella del poleman.

L’arrivo in curva 1

Una volta iniziata la frenata verso curva 1, Leclerc è bloccato da Verstappen e ciò non gli permette quindi di frenare come vorrebbe. Perez ne approfitta e guadagna quindi metri preziosi sul monegasco, che però in frenata si fa sotto e i due arrivano appaiati al punto di corda. Il messicano mantiene però un piccolo vantaggio e ha anche la traiettoria della curva successiva a favore. Strategia studiata in casa Red Bull?

Fin qui, Perez sembra destinato ad avere la meglio sul monegasco, ma ecco che arriva il capolavoro di Leclerc. Prima resiste all’esterno e riesce a mantenersi affiancato al messicano, poi tiene giù l’acceleratore a pochi centimetri dal muro. Perez stringe ma lascia sempre il giusto spazio, Leclerc con grande coraggio non molla e riesce a superare il messicano nella curva successiva, dove avrà il vantaggio della traiettoria.

Solamente qualche centimetro separa Leclerc dal muro a sinistra e da Perez a destra

Una lotta fantastica tra i due, dura ma lasciando sempre il giusto spazio all’avversario. La difesa di Leclerc è però durata poco, Perez aveva visibilmente più passo e nel giro di poche tornate si è ripreso la seconda posizione per cui aveva combattuto in partenza. Senza dubbio la battaglia tra i due resta tra i momenti migliori del GP, con l’auspicio che sia solamente la prima di tante nella stagione corrente.

Foto di copertina: Scuderia Ferrari

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter