F1 AnalisiFormula 1Tech

F1 | Analisi tecnica – Come funzionano le attuazioni idrauliche?

Le moderne monoposto di F1 sono caratterizzate da sistemi sempre più complessi, la maggior parte di essi sono comandati da attuazioni idrauliche. Come funzionano?

Il pilota di F1, durante un giro pista, compie molte attuazioni idrauliche sulla sua monoposto, dalla semplice apertura DRS al cambio marcia. Queste sono fondamentali per garantire la massima performance della vettura. Quali sono e come funzionano?

attuazioni idrauliche F1
Sidepod RedBull RB20 – Bahrain GP – Credits: F1inGenerale.com

Il circuito idraulico delle monoposto di Formula1 è comandato da una pompa idraulica collegata al motore, a cui viene aggiunto un accumulatore. Il fluido viene poi indirizzato ai vari sistemi presenti sulla vettura. L’idraulica ha molteplici funzioni, dall’innesto delle marce all’attuazione del DRS passando anche per il differenziale, la frizione e lo sterzo. L’accumulatore è fondamentale per garantire la corretta pressione dell’impianto durante le varie attuazioni. Pressione e portata di fluido nei condotti sono infatti correlate tra di loro. Ogni volta che una valvola ha bisogno di essere attuata, una parte della portata viene prelevata dal circuito e fatta passare nel sistema specifico. Questo processo porta inevitabilmente ad una caduta di pressione, che viene mitigata dall’accumulatore.

Esistono poi diversi tipi di valvole in base al sistema, si passa dalle solenoidali, in grado di avere solo 2 posizioni, alle proporzionali.


Leggi anche: F1 | Ferrari pronta a lottare: ecco gli aggiornamenti estremi per Imola


Perché un olio e non l’aria

All’interno del circuito circola un olio in pressione, da qui il nome idraulico, e non l’aria per un motivo principale: la velocità. Un fluido è quasi incomprimibile, a differenza dell’aria. Questa sua caratteristica consente di portare in modo molto veloce delle pressioni elevate agli attuatori. L’aria, essendo comprimibile, tenderebbe a variare prima il suo volume e poi a trasmettere la pressione nel punto desiderato. L’olio viene poi raffreddato con un radiatore specifico, posizionato o nei sidepod o sopra il motore.

 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter