Formula 1

F1 | Clima teso in Alpine? Ocon smonta le lamentele di Gasly

Esteban Ocon ha spento le polemiche del suo compagno di squadra Pierre Gasly in merito al team order della Alpine a Suzuka.

La coppia di piloti Alpine Ocon – Gasly è estremamente competitiva e il team order del team francese a Suzuka ha acceso la rivalità che si presagiva già dal giorno della firma dell’ex AlphaTauri.

Ocon Alpine Gasly Suzuka team order ordine di squadra F1 Formula 1 GP Giappone
Foto: XPB Images

In Giappone l’ordine di squadra in favore di Ocon non è stato per niente digerito da Gasly. Il #10 ha veementemente contestato [clicca qui per le immagini] la decisione dell’Alpine sostenendo poi di essere il pilota più veloce tra i due.

Dopo la gara Ocon ha commentato la vicenda rispondendo alle parole del compagno di squadra: Non è davvero rilevante [che fosse più veloce] perché bisogna lottare in pista per la propria posizione; puoi essere veloce quanto vuoi, ma se non fai il sorpasso non puoi sapere a chi toccherà lasciare strada. Io ero davanti, adesso in quanto squadra discuteremo per capire cosa avremmo potuto fare meglio […].”


Leggi anche: F1 | Marko placa i festeggiamenti Red Bull e ironizza sul budget cap


Ocon ha quindi affermato che le strategie interne dell’Alpine sono le solite da quando si unì al team: “È da quattro anni che sono nel team e la regola è sempre stata la stessa, la avevo anche con Fernando [Alonso]. Se c’è un cambio di posizione, in questo caso io lascio andare Pierre, il pilota deve guadagnare la posizione davanti per mantenere la posizione, altrimenti la restituisci al compagno di squadra”. 

Questo è ciò che abbiamo sempre fatto e a parti invertite ovviamente farei lo stesso, pur preferendo la lotta in pista. Sono un ragazzo old school e non vorrei mai che si scambino le posizioni; ma capisco il punto di vista del team che era quello di guadagnare posizioni, raggiungere Fernando e ottenere più punti. Purtroppo non ci siamo riusciti.” ha aggiunto Ocon.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter