Formula 1Interviste F1

F1 | Come la bandiera rossa ha aiutato Red Bull e Max Verstappen in Giappone

Christian Horner ha rivelato gli accorgimenti apportati alla Red Bull di Max Verstappen durante la bandiera rossa del GP del Giappone di F1.

Red Bull e Max Verstappen aiutati dalla bandiera rossa nel GP del Giappone di F1. Il team di Milton Keynes conquista la terza doppietta stagionale, in una gara all’apparenza dominata. Una prestazione sontuosa, condita dal giro veloce dell’olandese, una prova di forza da “guerra psicologica“. Una circostanza in particolare, però, può aver aiutato il leader della classifica.

F1 bandiera rossa Giappone Red Bull Max Verstappen Christian Horner
Max Verstappen vincitore nel GP del Giappone – F1

Il Gran Premio del Giappone riporta alla vittoria Red Bull. Dopo la debacle australiana, con il ritiro di Max Verstappen, è proprio l’olandese a prendersi pole position, vittoria e giro veloce a Suzuka. Un trionfo che sigla il terzo successo consecutivo del tre volte campione del mondo in Giappone. Nella nuova era ad effetto suolo è lui il padrone del tracciato nipponico.

È una bella sensazione riprendersi dopo l’Australia – confessa Christian Horner, team principal Red Bull, dopo la gara, riportato da – Era importante ricominciare rapidamente a vincere. Ho parlato con i piloti, mi hanno detto che la macchina è migliorata nel corso della gara. Probabilmente le temperature ci hanno aiutato, ma anche le modifiche al setup hanno fatto la loro parte“.


Leggi anche: F1 | Già scaramucce fra Hamilton e Leclerc, l’inglese: “Mi ha danneggiato la macchina”


Non sappiamo con quanto carburante abbia girato Ferrari al venerdì – spiega l’inglese, dopo che già Helmut Marko aveva espresso dubbi sul passo gara della SF-24Non potevamo avere certezza del margine in questi long run. Ma gli ingegneri hanno fatto decisamente un buon lavoro nel convertire gli svantaggi del venerdì in una situazione vantaggiosa per oggi“.

Anche la bandiera rossa, che ha fermato la gara dopo l’incidente fra Daniel Ricciardo ed Alexander Albon, ha aiutato Red Bull: “Abbiamo potuto resettare l’ala anteriore, dopo aver eccessivamente compensato i problemi del venerdì. Il circuito era in condizioni ben diverse dalle Prove Libere. È stata una gara eseguita perfettamente, senza drammi“.

Foto Copertina: Red Bull Content Pool

Seguici in Live Streaming su Twitch

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter