Formula 1

F1 | Continua la risalita Aston Martin, per Krack i segnali sono “incoraggianti”

Dopo un inizio di stagione anonimo, nelle ultime gare sta continuando la risalita Aston Martin come confermato da Mike Krack.

Dopo i test in Bahrain dello scorso anno in molti rimasero più che sorpresi dalle prestazioni della Aston Martin con un Alonso che in gara si era lasciato andare a più di qualche complimento. “Se abbiamo fatto questo step in avanti in pochi mesi non so dove potremo arrivare alla fine dell’anno“. In realtà gli sviluppi introdotti lo scorso anno avevano un po’ rallentato la risalita della Aston Martin verso quello che è il sogno di Lawrence Stroll, il Mondiale.

aston martin risalita krack alonso
Dopo un inizio di stagione anonimo, nelle ultime gara sta continuando la risalita Aston Martin come confermato da Mike Krack – Foto: Aston Martin via X

La situazione sembrava non essere cambiata nemmeno con il nuovo anno. Nelle prime uscite del 2024, infatti, il team guidato da Mike Krack aveva portato a casa diverse prestazioni anonime che avevano dato vita alle prime critiche. Solo un nono e un decimo posto in Bahrain seguiti da alcuni piazzamenti migliori tra Australia e Arabia Saudita.

Krack vede segnali positivi per il futuro

In Giappone, invece, c’è stata forse la prima gran bella prestazione targata Aston Martin, in particolare grazie a Fernando Alonso. Il due volte campione del mondo ha infatti chiuso in sesta posizione in quello che lui stesso ha definito come uno dei migliori weekend della sua carriera.

Penso che non siamo più nella terra di nessuno“, ha dichiarato Krack. “A Suzuka, nonostante il degrado e le poche possibilità di sorpasso siamo riusciti a portare a casa un ottimo risultato. Questo significa che non siamo più nella terra di nessuno. Eravamo persino davanti alle Mercedes quindi i segnali sono incoraggianti”.

Il team principal ha poi spiegato il perché della strategia adottata. “Abbiamo scelto di partire con gomme soft perché speravamo nella pioggia. Per fortuna poi c’è stata la bandiera rossa che ci ha permesso di cambiare strategia. Quella della gomma rossa era una gomma strategica visto che solitamente a Suzuka ci sono parecchie Safety Car e interruzioni”.

Aston Martin è stata tra le prime scuderie a introdurre aggiornamenti anche se è ancora difficile valutarne i miglioramenti. “Le macchine attuali sono davvero complesse e per questo abbiamo bisogno di tempo“, ha affermato Krack. “Dobbiamo guardare bene i dati delle prossime gare per quantificare il guadagno portato dal nuovo pacchetto“.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Immagine usata come copertina: @AMF1News via X