A TCFormula 1

F1 | Cos’è successo a Leclerc a Silverstone e perché era 100 secondi più lento?

Charles Leclerc ha tagliato il traguardo a Silverstone fuori dalla zona punti, ma la cosa peggiora era la strategia errata che lo reso, a un certo punto, addirittura 100 secondi più lento degli altri.

Una Silverstone infernale per Charles Leclerc, che a un certo punto della gara era addirittura 100 secondi più lento degli altri. Nonostante l’ottimo scatto in partenza, che gli ha permesso di guadagnare tre posizioni dopo l’iniziale P11, il monegasco ha pagato cara una strategia azzardata, dalla quale non gli è stato più possibile riprendersi.

f1 leclerc silverstone ferrari strategia formula uno
Foto: ferrari.com

Dopo la vittoria da sogno nel suo circuito di casa a Monaco, il pilota #16 della Ferrari ha totalizzato solo 12 punti finora. Un disastro in casa Maranello, diventato poi un incubo a Silverstone.

La Ferrari ha deciso di anticipare la sosta ai box di Leclerc, optando per una mescola intermedia già al 19° giro, dopo aver visto l’enorme distacco con Carlos Sainz.

Le comunicazioni radio a Leclerc

Al giro 16, il suo team gli comunica l’arrivo di una pioggia intensa tra due-tre giri, che poi dovrebbe attenuarsi. E inseguito si aspettano ulteriore pioggia. Al giro 17, Leclerc viene informato che la curva 15 [Stowe] è bagnata e che “il leader della gara resterà comunque fuori”.

Al giro 18, il monegasco viene informato che le precipitazioni dovrebbero durare “altri tre o quattro giri”. Gli viene anche detto che le slick rimangono la mescola più veloce. Poi, il suo team lo avvisa di una “pioggia intensa nella pit lane”, che proseguirà per altri 10 minuti. Verso la fine del giro, Leclerc informa i suoi uomini di prepararsi.

Il monegasco fa una sosta ai box nel giro 19 per montare le intermedie, dopo aver notato una quantità sostanziale di pioggia nella curva Becketts. Parte della pista, però, è completamente asciutta.

Perché Leclerc era lento?

Dal giro 21 al giro 26, Charles Leclerc girava 13,797 secondi più lento di Sainz (che aveva ancora le medie). Quando le intermedie si sono rivelate le gomme giuste da usare, il monegasco aveva surriscaldato le sue nei giri precedenti e ogni vantaggio era ormai vanificato.

Infatti, il pilota della Ferrari doveva comunque effettuare un nuovo pit stop per montare un altro set di inter. La sosta è avvenuta al giro 27. Inoltre, ha perso altro tempo mentre veniva doppiato. Alla fine del suo outlap, Charles era 114.555 secondi dietro Carlos. Prima del suo pit iniziale, però, il monegasco si era portato a 14.755 secondi dietro al suo compagno di squadra. Ciò significa che in totale, Leclerc aveva perso 100 secondi per colpa del pit stop azzardato.

Da lì in poi, il monegasco ha vissuto un incubo che lo ha rilegato fuori dalla zona punti. Come lui, anche Ocon e Pérez avevano scommesso sulle intermedie, fermandosi intorno al suo stesso giro.

Crediti immagine di copertina: Scuderia Ferrari su X

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.