A TCFormula 1Interviste F1

F1 | Daniel Ricciardo rompe il silenzio: cosa sta andando storto in Racing Bulls

Daniel Ricciardo rompe il silenzio sulle sue prestazioni in F1 per il team Racing Bulls, molto al di sotto delle aspettative.

La F1 si divide sul caso Daniel Ricciardo e Racing Bulls. La scuderia di Faenza, che fino ai test del Bahrain ha attratto antipatie nel paddock per la sua strettissima collaborazione con Red Bull, ha decisamente deluso le aspettative. La monoposto è ben lontana da quella “Top 5” che doveva essere l’aspirazione del team, stando alle parole dei piloti. A soffrirne, però, sembra essere soprattutto l’australiano.

F1 Daniel Ricciardo Racing Bulls Australia GP
Daniel Ricciardo 12esimo nel GP d’Australia – Red Bull Content Pool

Le prime tre gare del Mondiale sono state un calvario per Daniel Ricciardo. Il nativo di Perth non ha raccolto neanche un punto, ottenendo come miglior piazzamento il 12° posto di Melbourne (favorito dai ritiri delle due Mercedes e di Max Verstappen). È l’inizio di stagione peggiore della sua carriera: aveva fatto meglio persino nel 2012, anno del suo esordio, con il nono posto ottenuto ancora in Australia.

L’ambiente Red Bull, come consuetudine, non perdona. La pressione è già alle stelle, Helmut Marko minaccia più o meno velatamente provvedimenti entro la metà della stagione. Dalla Nuova Zelanda i media cercano di valorizzare la candidatura di Liam Lawson a possibile (anzi, certo) sostituto. Per Daniel Ricciardo le prossime gare saranno già fondamentali.

So che sto attraversando un momento particolare – ha dichiarato l’australiano dopo il GP d’AustraliaSe dovessi lasciare entrare il rumore che si sta creando all’esterno, guadagnerei solo una distrazione. Finora è andata bene. Capisco che neanch’io mi aspettavo un inizio di stagione di questo tipo“.


Leggi anche: F1 | Toto Wolff non si nasconde più e nomina la prima scelta per Mercedes


L’anno scorso, a Budapest, mi sono messo al volante il giorno prima delle qualifiche e ho battuto Yuki [Tsunoda], correndo poi una buona gara con pochissima conoscenza della vettura. Dopo tutta la preparazione e le gare della scorsa stagione, pensavo onestamente che queste prime gare sarebbero state migliori. E capisco che non sono il solo a chiedersi il motivo, ma molte persone attorno a me“.

L’obiettivo, però, è non lasciarsi sfuggire il controllo della situazione e restare concentrati: “Mi sento bene, i risultati sfortunatamente non mi fanno sentire alla grande, ma nel profondo, dietro al volante, mi sento bene e sono eccitato. Voglio continuare a correre“.

Foto Copertina: Red Bull Content Pool

Seguici in Live Streaming su Twitch

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter