A TCFormula 1

F1 | Dietro le quinte top secret di Ferrari: entriamo in un briefing con Leclerc

Entriamo in un briefing della squadra Ferrari di F1 ascoltando i commenti di Leclerc sulla vettura dopo le prove libere del GP del Bahrain.

I briefing in Formula 1 sono tra i momenti maggiormente top secret in un weekend di gara. In queste riunioni i team infatti discutono apertamente di ogni aspetto riguardante la pista: dall’assetto della vettura, al programma delle seguenti sessioni, fino ad arrivare a codificare i segretissimi “plan” delle strategie di gara. Ovviamente tutto parte dal commento dei piloti, i quali forniscono agli ingegneri gli input sul comportamento della monoposto, da elaborare e tradurre in termini ingegneristici. È proprio questo frangente che è stato ripreso da CANAL+, in particolare i feedback forniti da Leclerc durante il briefing Ferrari post prove libere del weekend F1 in Bahrain.


Leggi anche: F1 | Ferrari – Gené: “È inevitabile pensare al campionato costruttori”


briefing ferrari leclerc f1 bahrain italia monaco ingegneri bozzi vasseur newey strategia formula 1 sainz hamilton verstappen marko horner
©Scuderia Ferrari Media Centre

I commenti di Leclerc nel briefing Ferrari F1

Siamo nella fase introduttiva del briefing, durante la quale in cui i piloti forniscono commenti generali su tutti gli aspetti della pista: vettura, pneumatici, simulazione qualifica e passo gara, da approfondire successivamente.

Leclerc inizia proprio analizzando le gomme, in particolare la mescola C3, affermando in ottica qualifica quanti giri cronometrati potessero fornire:

Nel primo giro sono rimasto ben sotto il limite. Il secondo giro mi ha dato la l’impressione che la C3 potesse fare più giri. Tuttavia, al secondo run, non è stato affatto così“.

Il pilota Ferrari prosegue analizzando il comportamento della vettura, evidenziando una lacuna nella trazione in combinato, ovvero mentre si è ancora in curva:

Ho fatto un bloccaggio in curva 4, penso perchè probabilmente sono andato un po’ troppo largo in frenata e, da quel momento, soprattutto sul posteriore la trazione in combinato è peggiorata parecchio. Perciò da lì è stato molto difficile mantenere la stessa fiducia in entrata e in uscita curva, soprattutto in quelle a bassa velocità“.

Infine, il n°16 affronta il tema passo gara, soffermandosi sul livello di gestione dei pneumatici in alcune curve:

Per quanto riguarda i run a serbatoio pieno, tutto è sembrato in linea. Ho effettuato i primi giri con più calma rispetto a stamattina, il che mi ha aiutato a prendere il ritmo. Sono d’accordo con Carlos sul fatto che curva 12 sembra troppo lenta e la 6-7 sembrano decisamente troppo veloci” e conclude “ma entrerò più nei dettagli più avanti, grazie“.

Per il video clicca qui


Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter


Crediti immagine di copertina: Scuderia Ferrari Media Centre

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.