A TCFormula 1

F1 | Doppietta Ferrari nelle prove libere in Brasile: come si arriva in qualifica? – Sintesi FP1

Bandiera a scacchi sulle uniche prove libere di F1 in Brasile: uno sguardo alla sintesi delle FP1, come arrivano i piloti in qualifica?

Le prime ed uniche prove libere del Gran Premio del Brasile di F1 si aprono sotto un cielo coperto dalle nuvole. Le temperature non sono basse, 30 sono i gradi dell’atmosfera, 43°C quelli della pista. Ad inizio sessione la probabilità di vedere la pioggia nelle FP1 si attesta sul 20%.

f1 brasile interlagos fp1 prove libere san paolo sanpaolo mclaren ferrari sainz leclerc passo gara quali qualifiche sao paulo brazilgp verstappen alonso mercedes red bull perez classifica risultati formula1
Foto: @ScuderiaFerrari Twitter – GP Brasile, prove libere F1.

Nelle prime battute di sessione tutti i piloti optano per gli pneumatici hard. Il primo tempo assoluto della sessione è segnato da Max Verstappen in 1:13.950, prima di riabbassarlo di 8 decimi. Nei primi minuti di FP1 Ocon prima ravvisa la presenza di una vita nella gomma, Verstappen lamenta un fissaggio scorretto del sedile.

Prosegue la sessione ed i piloti continuano il proprio lavoro di ricerca di setup e confidenza con la pista su gomma dura. Verstappen appare subito in grande fiducia, la vetta è nelle sue mani, ma il compagno Perez non sembra distante.


Leggi anche: F1 | UFFICIALE – Il GP del Brasile rimarrà in calendario fino al 2030


I primi tentativi portano le Mercedes a ridosso delle Red Bull, mentre il potenziale delle Ferrari è ancora inespresso sul giro secco. A 15 minuti dall’avvio di FP1 la Red Bull di Verstappen è costretta ai box: il team deve risolvere il problema al sedile del pilota olandese. Lavoro anche sulle sospensioni.

20 minuti dall’inizio delle prove libere il muretto richiama ai box Fernando Alonso per una foratura. Allo stesso tempo Hamilton torna in pista con hard usate e vettura carica di carburante, mentre Tsunoda è il primo a montare gomma media. Il nipponico approfitta della mescola e della pista più gommata per portare temporaneamente la sua AlphaTauri in P1.

Di seguito la classifica della prima mezz’ora. Unico con medium è Tsunoda.

Foto: F1 Live Timing

Seconda metà di prove libere

A metà sessione, mentre Hamilton svolge un lavoro sui long run, Russell monta la gomma media e segna il provvisorio giro veloce in 1:11.865, scalzando Alonso e Verstappen che, ancora con gomma dura, avevano superato Tsunoda.

Rimangono su hard anche le Ferrari che, con serbatoio carico, svolgono un lavoro sul passo gara. Leclerc in 1:14.0 sembra avere un minor carico di carburante a differenza di Sainz, che gira oltre un secondo più lento.

A 25 minuti dalla fine Kevin Magnussen è il primo ad uscire dal garage con gomme soft, girando in 1:12.6. Poco dopo avviene una grande incomprensione nel terzo settore tra Hulkenberg e Norris che arrivano al contatto a bassa velocità, senza conseguenze. Il tedesco segna poi il tempo su soft, 7 decimi più rapido del compagno.

Foto: F1 Live Timing – La classifica a 20 minuti dalla fine.

Ad un quarto d’ora dal termine delle FP1 le due Haas si portano in seconda e terza piazza. Il terzo a montare le soft è Logan Sargeant.

Negli stessi minuti qualcuno nelle retrovie azzarda le soft e le medie. Tra questi c’è Albon con le rosse e Stroll con le gialle: entrambi salgono in Top 5.

Scorre il tempo e la maggior parte dei piloti abbandona le hard per dedicarsi soprattutto alle medie. Tutto tace intorno al box Ferrari invece, dove si lavora sul setup a meno di dieci minuti dalla fine.

Strana strategia McLaren, Ferrari in vetta

Le McLaren, a 9′ dalla bandiera a scacchi, vanno per il giro veloce, ma non lo concludono nonostante i parziali ottimi. Piastri rinuncia al giro veloce dopo i primi due settori record.

A ridosso degli ultimi 5 minuti le due Ferrari tornano in pista dopo diverso tempo, entrambe su gomma soft. Sainz conclude il tentativo in 1:11.732, Leclerc – dopo aver abortito il primo tentativo – chiude in 1:11.840. Il monegasco si è inoltre lamentato di un eccessivo sottosterzo.

La Ferrari è l’unico top team ad aver completato la simulazione di qualifica con gomma soft. Nonostante la doppietta, Russell – su medie – non è distante.

Verstappen, invece, ha girato solamente con gomma hard nel corso delle FP1.

Foto: F1 Live Timing – La classifica con i miglior settori.

Di seguito invece ecco la classifica con il relativo storico delle gomme per ogni pilota.

Foto: F1 Live Timing

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter