EditorialiFormula 1Solo su F1inGenerale

F1 | Ferrari, dietro gli arrivi di Newey e Hamilton si nascondono diversi dubbi sul futuro

Dopo l’annuncio dell’addio alla Red Bull, l’arrivo in Ferrari di Adrian Newey sembra sempre più probabile in quello che, con Hamilton e Leclerc, sarebbe un vero dream team.

Fred Vasseur è diventato il beniamino dei tifosi della Ferrari dopo l’arrivo di Hamilton e il possibile ingaggio di Adrian Newey. Ma siamo sicuri che siano le scelte giuste?

hamilton ferrari newey
Dopo l’annuncio dell’addio alla Red Bull, l’arrivo in Ferrari di Adrian Newey sembra sempre più probabile in quello che, con Hamilton, sarebbe un vero dream team – Foto: Ferrari via X

C’è una premessa da fare. Chi vi sta scrivendo è da sempre un gran sostenitore del sette volte campione del mondo e vede nell’ingegnere britannico uno dei più grandi geni visti all’interno del Circus. Detto ciò, i dubbi sui due (considerando che vada in porto l’affare Newey) nuovi innesti della Rossa sono diversi.

Instant team

Guardando infatti al mercato fatto dal team di Vasseur si può infatti notare come l’ex Team Principal della Alfa Romeo e John Elkann stiano pensando a un instant team per riportare subito al successo la Ferrari. Lewis Hamilton è ormai entrato nella fase finale della sua carriera, così come Adrian Newey che potrebbe regalarsi quella italiana come l’ultima grande tappa di un viaggio pieno di successi.

In quest’ottica l’errore da non commettere è quello di iniziare a pensare solo a breve termine. L’arrivo dei due fuoriclasse britannici dovrà infatti essere un mezzo tramite cui far crescere tutti i tecnici già presenti a Maranello e che faranno parte del futuro della Ferrari.

Elkann e gli errori del passato

In molti, me compreso, hanno visto delle somiglianze tra l’arrivo di Lewis Hamilton in Ferrari e quello di Cristiano Ronaldo alla Juventus. Cosa accomuna i due colpi del secolo? John Elkann sicuramente.

L’amministratore delegato di Exor dovrà però evitare di ripetere gli errori commessi in concomitanza con l’arrivo dell’asso portoghese a Torino. In quell’occasione, infatti, molti addetti ai lavori rimproverarono lui (in quanto principale finanziatore dell’operazione) e la dirigenza della Vecchia Signora di non aver costruito un progetto intorno a Ronaldo.

Cosa significa tutto ciò? Banalmente basterà far sì che la presenza di un sette volte campione del mondo in squadra possa essere l’occasione per far crescere ancora di più Charles Leclerc, che della Rossa sarà il futuro, e insieme a lui tutti quei prodotti del vivaio che si spera possano un giorno sedere su una delle due Ferrari.

Insomma, l’entusiasmo intorno al Cavallino sta raggiungendo picchi mai visti prima. Il binomio Newey-Hamilton, che con Leclerc andrà a formare un tridente da sogno, rappresenterà senza dubbio un motivo di crescita per l’intera Scuderia. Ciò non dovrà però far sì che venga tralasciato un progetto che si spera possa portare al successo la Rossa per parecchi anni avvenire.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Fonte dell’immagine di copertina: @PortalFerrariBR via X