Formula 1

F1 | GP Suzuka – Anteprima Ferrari: i punti di forza e gli aspetti da ottimizzare sulla SF-24

Tempo di correre in Giappone e la Ferrari giunge a Suzuka come seconda forza in campo dietro la Red Bull. Scopriamo nell’anteprima i punti di forza e su cosa deve lavorare la Ferrari SF-24 per non sfigurare a Suzuka.

I primi tre appuntamenti del campionato 2024 hanno mostrato un quadro prestazionale in linea con quello emerso nell’ultima parte della stagione 2023. La SF-24, come abbiamo scritto in diversi articoli, ha dimostrato un passo avanti notevole e con un trend prestazionale in costante crescita. Dopo la doppietta in Australia, gli uomini di Maranello giungono nella terra del Sol Levante con un approccio aggressivo. Vediamo in questa anteprima quelli che sono i punti di forza e cosa manca alla Ferrari SF-24 per insidiare la Red Bull a Suzuka.

GP Giappone Orari Sky Anteprima Ferrari prestazioni
Ferrari all’attacco nel GP del Giappone – Credits: XBP Images

I primi appuntamenti hanno evidenziato quelle che sono le caratteristiche positive della Ferrari SF-24, la quale ha ribaltato i punti deboli della SF-23. Rispetto allo scorso anno la monoposto del cavallino vanta un anteriore molto solido. A conferma di questo c’è la prestazione in Arabia Saudita del primo settore e la grande forza della SF-24 in Australia, nello specifico nel terzo settore. In simbiosi con l’anteriore troviamo un posteriore nettamente migliorato rispetto alla passata stagione.


Leggi anche: F1 | Clamoroso dal Regno Unito: la Turchia vuole tornare nel campionato


Tuttavia, mancano ancora dei punti di carico per rendere ancora più prestazionale la monoposto del cavallino e avvicinarsi alla competitività della RB20. Per correggere questo aspetto, la Scuderia ha in programma ulteriori setup esplorativi della sospensione posteriore. L’assetto meccanico per questa tappa sarà cruciale, infatti, servirà un compromesso tra morbidità e rigidezza. Con un primo settore ricco di curve ad alta velocità, la monoposto necessità di un equilibrio perfetto tra avantreno e retrotreno, capaci di dialogare tra di loro. Per compensare la mancanza di appoggio sul posteriore, la Ferrari potrebbe scendere in pista con l’assetto aerodinamico del Bahrain.

Non è da escludere il debutto di una nuova ala posteriore per non incappare nello scivolamento e surriscaldamento del posteriore. Sarà un arduo compito dei tecnici Ferrari comprendere al meglio quello che sarà il livello corretto di carico aerodinamico, con la squadra che potrebbe “giocare” con diverse configurazioni di beam wing. Sarà sotto esame anche l’efficienza aerodinamica della monoposto, che dovrà dimostrare le capacità di “reagire” al cambio di carico aerodinamico e drag.

ferrari aggiornamenti sf-24
Credits: Scuderia Ferrari

Assieme alla sospensione posteriore, il tracciato di Suzuka sarà un banco di prova per la trasmissione, con il differenziale che avrà un settaggio piuttosto aperto per consentire il trasferimento di coppia tra i due assali. Sempre in questo ambito si dovrà scendere a compromessi nella gestione dell’erogazione della potenza. Qui le strategie dell’ibrido saranno fondamentali per supportare la SF-24 nelle accelerazioni, senza però sacrificare gli allunghi. Inoltre, la gestione della componente elettrica risulta cruciale nella gestione del degrado gomme. Quest’ultimo sarà il vero aspetto sotto esame da parte della Ferrari, fondamentale per capire le aspirazioni della monoposto rossa per i prossimi appuntamenti.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter