Formula 1Interviste F1

F1 | La curiosa scommessa vinta da Ecclestone con Horner e Perez

Christian Horner ha raccontato di una scommessa fatta assieme a Bernie Ecclestone e Sergio Perez vinta dal magnate inglese

Dopo il deludente GP dell’Australia, Christian Horner ha fatto una scommessa con Sergio Perez, vincendola senza sapere che a sua volta la scommessa era stata vinta da Bernie Ecclestone. Ma cosa hanno scommesso nello specifico?

Dopo il DNF di Max Verstappen e la deludente prestazione di Perez finito a un minuto dalla Ferrari di Sainz all’Albert Park di Melbourne, Horner era convinto che il messicano si sarebbe rifatto al più presto. Fino a quel momento, infatti, era da più gare che il messicano non riusciva a partire dalla prima fila.

ecclestone horner perez
Photo by Mark Thompson

Non solo: Perez aveva ottenuto come migliore posizione sul circuito di Suzuka solo la quarta posizione nel 2022. Ma il capo di Red Bull ha voluto ugualmente scommettere sulla prima fila del messicano nell’edizione di Suzuka di questa stagione.


Leggi anche: F1 | Orari GP Cina 2024: quando sarà la prossima gara di Formula 1?


Alla fine Perez ha ottenuto la seconda casella in griglia accanto al compagno Verstappen. Così, quando Horner si è ritrovato nella situazione di pagare la somma pattuita con il pilota numero 11, ha scoperto che quella somma andava di diritto a…Bernie Ecclestone. Ma perchè?

A suo volta, l’ex presidente della Formula 1 aveva scommesso con Sergio Perez in persona la prima fila a Suzuka con Perez quasi convinto di non riuscirci. “Alla fine, il caro vecchio Bernie ha guadagnato soldi senza nemmeno essere qui in Giappone” racconta un divertito Horner.

Il team principal della scuderia campione del mondo ha anche approfittato del siparietto per complimentarsi con il suo pilota. “Sergio ha avuto un ottimo inizio di stagione, almeno fino a questo momento. A parte l’Australia dove abbiamo faticato come team, si è sempre preso la seconda posizione alle spalle solo di Max” spiega Horner.

Questo inizio stagione, dunque, potrebbe segnare un ottimo incentivo per il rinnovo del contratto con la scuderia austriaca. Anche se, non dimentichiamolo, Carlos Sainz, ancora senza un sedile per la prossima stagione, rimane in agguato.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter