Formula 1

F1 | La famiglia Schumacher vince la causa per l’intervista generata con l’AI

La famiglia di Michael Schumacher ha vinto la causa contro un giornale tedesco che aveva pubblicato un’intervista col sette campione del mondo di F1 generata con l’AI.

Nell’aprile dello scorso anno aveva fatto molto scalpore un‘intervista a Michael Schumacher generata con l’AI. L’autore era una rivista tedesca, Die Aktuelle, che aveva spacciato un dialogo con il sette volte campione del mondo di Formula 1 per vero.

“La prima intervista”, questo il titolo in prima pagina del magazine. L’intervista, pubblicata senza specificare che fosse un falso, era stata realizzata da una piattaforma di chatbot chiamata Character.ai (che ha le stesse funzionalità del nostro ChatGPT, per intenderci).

Credits: Photo by JOSE LUIS ROCA / AFP

Usando questa applicazione, Die Aktuelle poneva all’ex pilota tedesco diverse domande. Tra queste, una sul suo stato di salute dopo l’incidente sulle nevi di Méribel, in Francia, avvenuto il 29 dicembre 2013 (“Come stai oggi?”). Le risposte erano altamente inquietanti: da “la mia vita è completamente cambiata dall’incidente”“è stato un periodo orribile per tutta la famiglia”. E ancora, dettagli macabri come “sono rimasto ferito gravemente che sono rimasto per mesi in una sorta di coma artificiale.”

Due giorni dopo la pubblicazione dell’articolo, la caporedattrice Anne Hoffmann, che aveva ideato l’intervista a Schumacher con l’AI, è stata licenziata. La Funke Mediengruppe, invece, casa editrice di Die Aktuelle, si è scusata con tutti i familiari del tedesco per l’accaduto.

Corinna, moglie di Michael, però, non poteva accettarlo. Per questo motivo, lei e l’intera famiglia del pluricampione del mondo di F1 avevano avviato un’azione legale contro la rivista.

A poco più di un anno, la causa è stata vinta. Il Landesarbeitsgericht, il tribunale del lavoro di Monaco di Baviera, ha condannato la Funke Mediengruppe a risarcire la famiglia Schumacher con 200.000 euro.

Crediti immagine di copertina: LAT Images

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter