A TCFormula 1

F1 | “La Ferrari SF24 è già fuori dalla lotta con Red Bull”: la bocciatura dei media inglesi

Secondo i media inglesi, la Ferrari SF24 non sarà in grado di lottare con la Red Bull durante la stagione 2024: la spiegazione del verdetto “prematuro”

La mancanza di ambizione della Ferrari SF24 non preoccuperà la Red Bull“. Così, i media inglesi condannano già la nuova monoposto e il progetto di Maranello per il 2024, non ritenendolo all’altezza dei campioni del mondo e, probabilmente, troppo conservativo per permettersi di osare.

Le monoposto ancora non sono scesa in pista per potersi confrontare con i rispettivi progetti, ma in Inghilterra si preparano già ai verdetti. Il pronostico che riguarda la Ferrari, comunque, sembra essere severo e decisamente prematuro.

ferrari sf24 red bull
Leclerc sulla SF24 durante lo shakedown @ Scuderia Ferrari

Il giornalista Mark Hughes ha espresso un parere molto duro nei confronti della scuderia di Maranello. “Sulla Ferrari non sono fiducioso soprattutto per quel che riguarda la lotta con la Red Bull. Hanno rielaborato il concetto precedente e hanno dato una svolta da un punto di vista aerodinamico. Il lavoro sembra essere fatto per dare fiducia ai piloti e per costruire una buona base per il futuro” sostiene Hughes.


Leggi anche: F1 | Come nasce la nuova Ferrari: lo stickeraggio della SF24 – VIDEO e FOTO


Questa idea sembra trapelare dalle parole del direttore tecnico Enrico Cardile al momento del lancio. Ha parlato come se non si sia nulla di molto all’avanguardia nel nuovo progetto. Soddisfa le caratteristiche di un’auto di F1 contemporanea, ma non sembra andare oltre i limiti” continua ancora il giornalista inglese.

Non solo: i media inglesi pensano anche che la scelta della sospensione posteriore pullrod può rivelarsi una scelta avventata. “Forse la Red Bull guarderà quella macchina e penserà “La Ferrari ha mancato un trucco chiave“” sostiene invece Scott Mitchell-Malm.

Insomma, le voci dall’Inghilterra potrebbero preoccupare i tifosi della Ferrari anche se bisogna sicuramente aspettare prima di scendere in pista. Solo nel confronto diretto con le rivali si potrà davvero giudicare se le scelte di Maranello ripagheranno o meno e se la vettura sarà davvero competitiva.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter