Formula 1

F1 | La FIA risponde a McLaren: respinta la protesta per il giro cancellato a Piastri – GP Austria

La FIA ha emesso il suo verdetto in merito alla protesta di McLaren per il giro cancellato a Piastri nelle qualifiche del GP d’Austria.

In un modo o nell’altro, a Spielberg si parla sempre di track limits. Al termine della qualifica in Austria, infatti, McLaren ha avanzato una protesta ufficiale alla FIA per il tempo cancellato ad Oscar Piastri.

fia mclaren piastri austria giro cancellato qualifica q3 gp 2024 spielberg penalità
La FIA ha respinto la protesta McLaren per il giro cancellato ad Oscar Piastri in Austria © F1inGenerale

Il fatto incriminato è avvenuto nell’ultimo tentativo dell’australiano in Q3. Il pilota McLaren aveva infatti ottenuto la terza piazza ma si è visto cancellare il tempo per aver superato i limiti di pista in curva 6.

Piastri “sbaglia”, McLaren protesta con la FIA

“È imbarazzante”, ha dichiarato Piastri al termine della qualifica. “Abbiamo fatto tutto questo lavoro sui limiti della pista, abbiamo messo della ghiaia in alcuni punti ed io non sono nemmeno uscito di pista. Ho fatto probabilmente la mia migliore curva 6 e me l’hanno cancellata”.

Anche Andrea Stella ha fatto eco al suo pilota. “Il sistema di verifica dei track limits è vecchio e non è applicato in maniera uguale per tutti”, ha spiegato il TP McLaren. “Non siamo soddisfatti delle prove fornite dalla Direzione di Gara, perché le immagini sono sfocate e in ombra”.

Proprio per questo motivo McLaren ha avanzato una protesta ufficiale alla FIA nei confronti del giro cancellato a Piastri in Austria.

La decisione della FIA

Dopo aver analizzato i video e sentito i rappresentanti di McLaren, la FIA ha deciso di respingere la protesta del team inglese. In particolare, si legge nel comunicato, sono tre i motivi per cui non è stata ritenuta valida.

  • Era indirizzata al Direttore di Gara e non al Presidente dei Commissari Sportivi.
  • Non specificava alcun regolamento pertinente.
  • Non ha specificato contro chi è stata presentata la protesta.

Il tutto fa riferimento all’articolo 13.4.1 ISC. La FIA ha dunque dichiarato che “la protesta non soddisfa alcuni dei criteri richiesti per l’ammissibilità di una protesta”. McLaren ha perso anche i 2000 euro necessari per chiedere una revisione alla Federazione.


Leggi anche: F1 | Verstappen chiaro sulla lite tra sue padre e Horner: “Si poteva evitare”


Nulla da fare dunque per Oscar Piastri che, in seguito alla decisione della FIA, scatterà con la sua McLaren in settima posizione nel GP d’Austria. L’australiano già nella Sprint ha mostrato un ottimo passo e dunque avrà possibilità di rimontare. Una griglia di partenza che dunque si prospetta interessante.

I track limits in Austria continuano dunque a mietere vittime. Tuttavia la situazione, grazie al lavoro sui cordoli ed all’aggiunta di ghiaia, è molto migliorata rispetto allo scorso anno.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.