Formula 1

F1 | Leclerc e la fiducia sulla SF-24 in Bahrain: “Proveremo a vincere”

Le dichiarazioni di Leclerc alla vigilia delle prime prove della stagione in Bahrain denotano una certa fiducia del monegasco nella SF-24.

Charles Leclerc, intervenuto al primo incontro con i media in Bahrain, a cui era presente anche F1inGenerale, non ha voluto nascondersi. 

Un sorriso così, in faccia al monegasco, non lo si vedeva da tempo. “Charles sembri molto felice oggi”, gli fanno notare. E subito il 16 cambia espressione, come a voler nascondere una certa fiducia che però non è mancata anche nelle dichiarazioni sulla SF-24.

Leclerc Bahrain
Leclerc e la fiducia nella SF-24 in vista del Bahrain: “proveremo a vincere”.

Su questa pista in passato siamo andati spesso bene. Se ci sarà una opportunità… farò di tutto per coglierla“.


Leggi anche: F1 | UFFICIALE: Red Bull emette il verdetto definitivo sullo scandalo Horner


A frapporsi tra la Rossa e la conquista del trofeo in Bahrain c’è la solita Red Bull. Le prestazioni del team di Milton Keynes sono ancora un’incognita ma la RB20 parte da favorita. 

È molto difficile capire dove si trova la Red Bull in termini di performance“, ha spiegato il monegasco.

Certo, so dove siamo noi, ma è complicato fare un confronto con altri avversari“, ha aggiunto.

Muovendo, poi, agli obbiettivi stagionali, Leclerc vuole interrompere un digiuno dal primo posto che dura da Austria 2022.

Conquistare diverse vittorie sarebbe sicuramente un passo avanti che andrebbe a confermare una stagione positiva“, ha spiegato Charles. “Abbiamo una visione chiara e finora abbiamo fatto un passo avanti ogni volta che abbiamo cambiato la macchina. Ed è così dalla seconda metà dello scorso anno”. 

Leclerc: SF-24? Un pò di sottosterzo, ma lo hanno tutti

E sulla SF-24, il monegasco ha già identificato alcune aree su cui il team dovrà investire. 

Abbiamo un po’ di sottosterzo e facciamo fatica a far girare la macchina. Anche se credo che questa sia una tendenza generale in tutto il paddock con questa generazione di monoposto“.

Anche nelle curve a bassa velocità c’è ancora qualche miglioramento da fare, così come in altre aree. Alla fine credo che avremo un quadro chiaro dopo le prime qualifiche e la prima gara. Solo allora sapremo quali sono i principali punti deboli rispetto ai nostri avversari, ed a quel punto faremo un ordine di priorità“.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter