Formula 1

F1 | Lewis Hamilton e il bullismo: “Volevo aiutare gli altri ma venivo picchiato anch’io”

Lewis Hamilton ha parlato degli episodi di bullismo che ha subito da bambino e di cosa vorrebbe lasciare alle future generazioni.

Un’infanzia sicuramente non delle più facili quella del sette volte campione del mondo inglese. Tante volte infatti Lewis Hamilton ha raccontato dei suoi anni da bambini e degli episodi di bullismo che subiva.

lewis hamilton bullismo problemi infanzia educazione istruzione mercedes eredità f1 formula1
Lewis Hamilton © Getty Images

In un’intervista rilasciata a GQ, il pilota Mercedes è tornato a parlare dell’argomento sottolineando le difficoltà di quegli anni. Purtroppo il bullismo è un problema molto presente ed è davvero importante provare ad eliminarlo. Lo stesso Hamilton ha raccontato di essere intervenuto più volte per aiutare altri bambini in difficoltà.

La stabilità e la salute mentale sono state una parte importante del mio percorso ha spiegato Lewis. “Probabilmente da quando avevo 11 anni direi. È quando ha iniziato a diventare una vera e propria sfida”.

“A 6 anni ho iniziato a praticare karate perché a scuola ero vittima di bullismo e volevo proteggermi. Vedevo altri bambini vittime di bullismo e volevo essere in grado di aiutarli perché quando intervenivo venivo picchiato anch’io. Ero un bambino piccolo. Queste sono cose che ho incontrato e che volevo superare”.

L’eredità di Lewis Hamilton

Il campione inglese ha anche parlato di quello che vorrebbe lasciare alla prossime generazioni. Un qualcosa che vorrebbe andasse oltre i motori e la F1. L’interesse è sempre sui temi sociali per far sì che altri possano trascorrere anni di scuola migliore ed avere una buona istruzione.

“È difficile dare una risposta breve. Credo che aiutare le persone sia qualcosa che mi appassiona. La mia istruzione è stata probabilmente la parte peggiore della mia vita e lo è per tante persone che hanno difficoltà. Tante persone non hanno accesso all’istruzione, ma alcune sono state escluse dalle scuole”.

Tante persone hanno problemi con tante cose diverse quando vanno a scuola. Spesso sono anche influenzate da cose che accadono fuori dalla scuola, nel tragitto verso la scuola, negli ambienti sociali o a casa. Io vorrei davvero contribuire ad affrontare questo problema“.


Leggi anche: F1 | Ferrari EVO a Imola: l’ingegnere Mazzola ci spiega quanto potrà guadagnare la SF-24


Ho vissuto un’esperienza del genere nel corso della mia vita ha continuato Hamilton. “Se ci fosse un piccolo me o una giovane ragazza là fuori che sta vivendo un’esperienza simile vorrei lavorare per risolvere questo problema. Far sì che tutti ricevano una buona istruzione, indipendentemente dalla provenienza e dal background economico-sociale“.

Un Lewis Hamilton dunque che vorrebbe far si che altri non passino quello che ha vissuto lui da bambino. Sappiamo quanto il sette volte campione del mondo sia attento a queste tematiche e sicuramente cercherà di aiutare a risolvere questi problemi.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Copertina © Getty Images