Formula 1

F1 | Montoya: “Newey in Ferrari solo se potesse costruire macchine stradali”

L’ex pilota di F1 Juan Pablo Montoya è convinto che Newey possa firmare con Ferrari solo ad una specifica condizione.

Il futuro dell’ingegnere inglese pare, al momento, ancora abbastanza fumoso. Ferrari sembra essere in vantaggio nella “corsa” a Newey e, secondo Juan Pablo Montoya, a Maranello hanno una carta importante da giocarsi.

juan pablo montoya adrian newey ferrari scuderia maranello 2025 f1 mercato piloti ingegneri
Montoya crede che Newey firmerebbe con Ferrari solo se potesse realizzare anche vetture stradali © Red Bull Content Pool

Sull’ex Red Bull, però, non ci sarebbe solo la Rossa. Anche Aston Martin, Mercedes e Williams hanno infatti avanzato delle offerte e, probabilmente, non sono le uniche.

Eddie Jordan, manager di Newey, ha lasciato intendere che la decisione non arriverà a breve. I due infatti vorranno valutare bene tutte le possibili opzioni prima di scegliere la nuova squadra.

Il parere di Montoya

Juan Pablo Montoya, parlando a RacingNews365, ha spiegato come dal suo punto di vista Ferrari possa puntare sulle macchine stradali per convincere Newey.

“Penso che l’unico motivo per cui andrebbe alla Ferrari è se potesse costruire auto da strada” ha detto l’ex pilota di F1.

Se la Ferrari gli dicesse: ‘Le prossime cinque supercar saranno di tua competenza e tu dovrai costruire la F1’, credo che coglierebbe l’occasione al volo perché gli piace spingersi oltre il possibile”.

“Ha fatto la Red Bull Car [la RB17], che dovrebbe essere pazzesca. Ma è una Red Bull, non una Ferrari. Si tratta del marchio, che piaccia o no”.


Leggi anche: F1 | Steiner avvisa la Williams su Sainz e Newey: “Si rischia di fare la figura degli stupidi”


Il colombiano però non è d’accordo con chi ritiene che senza Newey la Red Bull perderà la sua forza. Dal suo punto di vista infatti a Milton Keynes ci sono già gli uomini chiave per portare avanti i prossimi progetti.

“Non vedo la Red Bull fallire” ha infatti affermato Montoya. “C’è del lavoro da fare, ma credo che abbiano assunto le persone giuste per farlo”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.