Formula 1

F1 | Nessun problema per Hamilton in Bahrain, Shovlin: “Il sedile era a posto”

Durante il GP del Bahrain Lewis Hamilton aveva riportato via radio di avere un danno al sedile ma le analisi Mercedes non lo hanno confermato.

Il primo Gran Premio della stagione non è andato esattamente secondo i piani per il sette volte campione del mondo. Hamilton in Bahrain ha infatti chiuso al settimo posto, staccato di 50s da Verstappen, lamentandosi in radio di avere il sedile rotto.

sedile lewis hamilton gp bahrain 2024 incidente mercedes andrew shovlin
Andrew Shovlin © LAT Images

In Mercedes naturalmente hanno svolto tutte le indagini del caso. Infatti è fondamentale verificare tutta la macchina una volta terminato il GP in modo da poter sostituire eventuali componenti danneggiate.

Il team di Brackley è solito pubblicare un video debrief sui propri canali social dopo ogni gara. Intervenendo in questo video, il direttore tecnico di pista Andrew Shovlin ha chiarito come in realtà non ci fosse nessun danno al sedile di Hamilton in Bahrain.

“Ovviamente appena abbiamo riavuto la macchina, abbiamo controllato subito il sedile ed era a posto. I sedili sono progettati per poter essere sollevati. Questo perché in caso di incidente il pilota esce con il suo sedile. Alla fine la cosa che tiene il sedile nell’auto è il pilota legato alle cinture di sicurezza”.


Leggi anche: Scandali in F1, un deluso Lewis Hamilton interviene (anche) sul caso Horner


Nonostante il sedile non fosse rotto, è comunque possibile che un piccolo problema si sia verificato per Hamilton, rendendone sicuramente più scomoda la guida.

“L’unica cosa che possiamo ipotizzare è che se le cinture di Lewis erano leggermente allentate, lui potrebbe essersi mosso un po’ facendo forse alzare il sedile. Poi ha fatto un po’ di movimento e si è abbassato di nuovo. Guardandolo dopo, non ci sono prove che qualcosa fosse rotto o che fosse nella posizione sbagliata“.

Probabilmente quindi solo un problema di cinture per Hamilton. L’inglese vorrà sicuramente riscattarsi a Jeddah e cercare di estrarre tutto il potenziale che la W15 sembra avere.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter