Formula 1

F1 | Perché il GP di Cina è stato cancellato e poi è tornato nel calendario?

Non si corre in Cina dal 2019: ricordate perché il GP fu cancellato e poi è tornato nel calendario solo quest’anno?

Il GP di Cina torna nel calendario di Formula 1: un annuncio storico, dato che era stato cancellato da diversi anni ormai. L’ultima gara si è svolta nel 2019, quando a trionfare fu Lewis Hamilton su Mercedes.

Il Gran Premio è stato introdotto in F1 nel 2004 e Rubens Barrichello è stato il primo vincitore. Il record di vittorie sul circuito, però, appartiene a Hamilton, che ne ha ben sei. Seguono Fernando Alonso e Nico Rosberg, entrambi due volte sul gradino più alto del podio.

Credits: Media Formula1.com

Perché il GP di Cina è stato cancellato?

La pandemia di Covid-19, esplosa a inizio 2020, ha messo in ginocchio il mondo. Formula 1 compresa. In quell’anno, le gare si sono corse per la maggior parte nel continente Europeo, ad eccezione delle ultime tre in Medio Oriente.

Il 12 febbraio 2020 la FIA ha annunciato la cancellazione del GP di Cina. In programma il 19 aprile, la gara non si è svolta per via del virus proveniente da Wuhan e dalla zona ovest del paese.

Nei due anni successivi, il mondo cercava di tornare alla normalità, nonostante le restrizioni dovute al Covid. Cina, Giappone e Singapore volevano essere reinserite nel calendario di F1, ma senza risultati. Le problematiche legate alla pandemia erano ancora molte.

La FIA si era rifiutata di ospitare un Gran Premio a porte chiuse. Con il GP di Cina cancellato anche nel 2023, il governo è corso ai ripari. Il partito socialista al potere ha adottato la politica “zero COVID” per ridurre al minimo la trasmissione del Covid-19, in gran parte contenuto ma non completamente eliminato.

Perché il GP di Cina è tornato nel calendario?

Lo scorso anno, la Formula 1 ha annunciato il ritorno della Cina, grazie a un accordo per restare nel calendario fino al 2025. Le restrizioni anti-Covid sono infatti cambiate. A partire dal 30 agosto 2023, i passeggeri in arrivo non devono più effettuare un tampone molecolare o un test antigenico nelle 48 ore precedenti. Inoltre, non è più necessario compilare la dichiarazione doganale.

La Cina è attualmente la seconda potenza economica a livello globale, quindi rappresenta una fetta di mercato importante per la Formula 1. Per questo motivo, il governo non può permettersi una nuova cancellazione.

Crediti immagine di copertina: Aly Song / Reuters

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter