Formula 1Interviste F1

F1 | Gasly con fiducia in Alpine: “Un costruttore non ha limiti”, rinnovo di contratto in vista?

Pierre Gasly ha un contratto con Alpine in scadenza a fine stagione ed ha evidenziato un fattore chiave per la sua futura decisione.

Un inizio di stagione non facile per il team francese. Zero punti raccolti in tre gare ed una monoposto non all’altezza della concorrenza. Nonostante le difficoltà, Pierre Gasly ha evidenziato come però Alpine abbia il vantaggio di essere un costruttore, fattore molto importante per il rinnovo di contratto.

contratto pierre gasly alpine a524 rinnovo problemi crisi gp giappone suzuka 2024 jeddah bahrain regolamenti 2026 f1 formula1
Pierre Gasly durante il GP d’Australia © Alpine F1 Team

Sia lui che Ocon andranno in scadenza a fine stagione. Naturalmente entrambi valuteranno tutte le opzioni offerte dal mercato ma la squadra francese potrebbe avere una carta importante da giocare: essere un costruttore.

Alpine infatti si fa da sola la power unit e questo potrebbe darle un vantaggio in vista del cambio di regolamenti del 2026.

“Non c’è limite quando sei un costruttore” ha sottolineato Gasly. “Puoi fissare i tuoi limiti, sviluppare ed investire quanto vuoi”.

“In Alpine vedo il vantaggio di essere un costruttore. Il finanziamento non è il problema. Per questo credo che non ci siano ragioni e limiti per noi stessi e per il modo in cui affronteremo il futuro”.


Leggi anche: F1 | Mercedes vuole Verstappen: contatto con Pierre Waché per convincere l’olandese


Nonostante però Gasly rilevi questo plus in Alpine, il rinnovo di contratto dipenderà molto dalle prestazioni della macchina.

Il team francese ha già in programma un corposo pacchetto di aggiornamenti per cercare di ribaltare la A524. Certo è che la scarsa stabilità manageriale ed i problemi extra pista potrebbero complicare, e non poco, il lavoro del team di Enstone.

Correre nelle ultime posizioni potrebbe essere dannoso per le carriere dei piloti. Gasly è consapevole di questo fatto ma ha anche molta fiducia nel team.

“Penso che la cosa più importante sia comprendere ciò che stiamo facendo. Nel 2026 ci sarà un grande cambiamento normativo che rappresenterà una sfida per tutti i team. Questo sia riguarda sia il motore che la vettura”.

“Per questo è importante capire cosa stiamo facendo. È importante essere in grado di identificare i problemi e proporre soluzioni”.

Un inizio difficile per Alpine

“Quest’anno è stato un po’ così” ha continuato il francese. “Purtroppo la macchina non è nata bene. È così e basta“.

“Ci sono stati molti cambiamenti positivi. Li vedo nel modo in cui abbiamo affrontato il lavoro, nell’attenzione ai dettagli e nella mentalità all’interno della squadra. Purtroppo non si traducono subito in prestazioni”.

“Nessuno vuole trovarsi nella posizione di guidare una vettura non competitiva. In definitiva è quello che voglio. Ma credo anche che questo sia possibile con l’attuale squadra. Per questo dobbiamo trovare le soluzioni e il modo per farlo”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Copertina © Alpine F1 Team