Formula 1

F1 | Problema freni Ferrari in Bahrain, c’è allarme anche a Jeddah? Leclerc chiarisce

Charles Leclerc chiarisce cos’è successo al GP del Bahrain, quando il problema ai freni che gli ha complicato la gara.

Il problema di Charles Leclerc avuto ai freni in Bahrain ha complicato e non poco la sua gara. Nel Gran Premio d’esordio, la sua Ferrari ha faticato molto per restare in pista. Partito secondo, il monegasco si è dovuto “accontentare” di un quarto posto, mentre sul podio è salito Carlos Sainz, suo compagno di squadra.

Resta da capire se si sia trattato di un caso isolato, o se c’è la possibilità che si verifichi anche nel weekend in Arabia Saudita.

Credits: Scuderia Ferrari

In conferenza stampa, il pilota #16 ha risposto alla domanda di un giornalista che ha chiesto se il suo problema fosse legato alle alte temperature del Bahrain.

“Da parte mia non è derivato dal surriscaldamento, o condizioni esterne. E’ stato un problema che prima non si era mai presentato e che ci è costato tanto in termini di tempo”, ha spiegato Leclerc. Tale intoppo c’è stato “specialmente nella prima parte della gara”, ha proseguito.

Come già detto nelle interviste post gara, il pilota Ferrari ha confermato la sua frustrazione e su quanto sia stato “davvero estremamente difficile” guidare in quelle condizioni.

Riguardo al rischio di trovarsi di nuovo con lo stesso problema all’impianto frenante, Charles Leclerc ha rassicurato: “Non mi aspetto che si verifichi di nuovo questo weekend.”

Come accaduto per il GP del Bahrain, anche la programmazione del weekend in Arabia Saudita è stato anticipato di un giorno. Abbiamo spiegato il motivo in questo articolo.

A Jeddah viene anche inaugurata la seconda edizione dell’F1 Academy, il campionato femminile. Da quest’anno si seguirà per intero (comprese prove libere e qualifiche) su Sky Sport F1. Per un maggiore approfondimento sugli orari, vi consigliamo di dare un’occhiata a questo articolo.

Crediti immagine di copertina: Scuderia Ferrari

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter