A TCFormula 1

F1 | Pronti, via: caos a Monaco, Red Bull disintegrata e Red Flag

Pronti, partenza, via: a Monaco la red flag interrompe subito la gara di F1, Red Bull distrutta, incidente pauroso verso il Massenet.

A Monaco la gara viene subito fermata dalla red flag: pauroso incidente in salita verso Massenet, ecco cosa è successo nelle prime fasi del GP.

Foto: F1, L’incidente pauroso di Monaco.

Alla partenza del gran premio di Montecarlo il leader Leclerc sfila in testa senza grandi problemi, seguito dalla McLaren di Piastri. Alle loro spalle la rossa di Sainz tenta l’attacco all’australiano Piastri, ma dopo poche la bagarre ravvisa una foratura ed è costretto a fermarsi. Lo spagnolo riesce comunque a rientrare ai box per ripartire dopo la red flag. 


Leggi anche: F1 | Turrini – Leclerc: “L’opinione su di lui sta cambiando”, Vettel? “Firmò con Ferrari due anni prima”


Ma quanto spaventa è l’episodio nelle retrovie che coinvolge la Red Bull di Sergio Perez. Scattato nel gruppone, il messicano di Guadalajara si è ritrovato in bagarre con la Haas di Kevin Magnussen. Il pilota danese ha tentato il sorpasso in salita sul Beau Rivage, cercando di affiancare la monoposto di Checo sul lato destro. La mossa di Magnussen è però decisamente maldestra e l’incidente è inevitabile. Contrariamente a quanto si possa pensare, sembra che Kevin Magnussen non sia sotto investigazione. Rischio race ban scampato?

In piena accelerazione in salita la Red Bull di Perez – toccata dalla Haas – perde il posteriore volando dentro il guard rail. La vettura ne esce letteralmente disintegrata. Coinvolti nell’incidente non solo Sergio Perez e Kevin Magnussen. Anche l’altra Haas di Hulkenberg è costretta al ko.

Non solo. In uscita dal Portier le due Alpine sono entrate in collisione, rischiando anch’esse di terminare la propria corsa anzitempo, con Ocon levatosi da terra e ricaduto dopo la collisione.

Sotto bandiera rossa, la gara di Monaco di F1 è stata interrotta per rimuovere vetture danneggiate e detriti sul tracciato. Da riparare anche le barriere.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter