A TCFormula 1

F1 | Pugno duro FIA: dal GP del Giappone penalità più severe?

La FIA starebbe studiando un nuovo sistema di penalità per punire comportamenti antisportivi, a partire dal GP del Giappone di F1.

Pugno duro della FIA in F1, a partire dal GP del Giappone torneranno penalità più severe. Dopo le tante denunce dei piloti, che lamentano come il sistema di penalità basato sui secondi da aggiungere al tempo di gara sia troppo clemente, la Federazione Internazionale potrebbe finalmente agire. Nel mirino il caso Magnussen a Jeddah, ma anche il comportamento di Fernando Alonso in Australia.

F1 GP Giappone FIA penalità Fernando Alonso Kevin Magnussen
Kevin Magnussen durante il GP dell’Arabia Saudita – Haas F1

La Formula 1 potrebbe finalmente affrontare uno dei suoi più grossi problemi. Da ormai diverse stagioni è evidente che il sistema di penalità necessiti dei cambiamenti. È diventata pratica fin troppo diffusa, infatti, compiere azioni antisportive – come, ad esempio, sorpassare illegalmente un rivale – costruendo poi facilmente un margine bastevole per annullare gli effetti di eventuali sanzioni.

In Arabia Saudita si è giunti ad un punto di non ritorno: Kevin Magnussen sorpassa illegalmente Yuki Tsunoda, rallentando poi sia il giapponese che il gruppo alle sue spalle. Così facendo, l’altra Haas di Nico Hulkenberg riesce a conquistare preziosissimi punti iridati. Inutile la penalità di 10 secondi subita dal danese, con la sua monoposto a far da muro ai piloti alle sue spalle.

Un gradito ritorno al passato e uno sguardo al futuro

Secondo un report di AMuS, la Federazione Internazionale starebbe studiando la giusta via da intraprendere. Potrebbero far ritorno nel Circus, dopo più di un anno di assenza, i drive-through e gli stop-and-go. Penalità certamente severe e che obbligano il pilota che ne è vittima non soltanto a perdere secondi preziosi, ma anche a cedere la posizione in pista.


Leggi anche: F1 | La “scioccante prospettiva” per Ferrari e Red Bull in Giappone


Lo scopo desiderato è proprio quest’ultimo: riconsegnare la posizione conquistata illegalmente. Nel regolamento FIA non c’è, per il momento, la restituzione forzata della posizione, ma potrebbe presto essere implementata. Attenzionati saranno anche casi simili al presunto brake check di Fernando Alonso ai danni di George Russell, già severamente punito a Melbourne.

Foto Copertina: Aston Martin F1

Seguici in Live Streaming su Twitch

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter