Formula 1

F1 | Red Bull copia Mercedes? “Difficile mettere da parte le emozioni”

Red Bull va oltre le emozioni e sceglie di ispirarsi ai rivali di Mercedes, Waché: “Bisognava evitare di essere emotivi”.

Quando Red Bull ha tolto i veli alla monoposto 2024, un particolare, su tutti, è saltato subito all’occhio: la RB20 ha linee molto simili alla W14, la Mercedes 2023.

La rivalità tra i due team protagonisti del mondiale 2021 non è certo sopita e in molti hanno visto dietro alla scelta di Red Bull un guanto di sfida ai tedeschi. “Saremo in grado di vincere con le idee che avete scartato”, potrebbe suonare il messaggio.

Red Bull Mercedes
Il DT Red Bull Waché è tornato sulla scelta del team di copiare concetti visti sulla Mercedes 2023. Credits: Red Bull Content Pool

A questa “teoria” ha replicato il direttore tecnico di Milton Keynes, Pierre Waché.

Emozioni? No grazie

Non la vedo proprio così. Certo, abbiamo dovuto eliminare tutte le emozioni scegliendo quel design. Perché spesso si pensa che vincere con le proprie idee è sempre meglio”.

Bisognava evitare di essere emotivi”, ribadisce il francese. “Sono il cronometro e i nostri sistemi di simulazione a decidere”.

Passando al perchè Red Bull abbia deciso di abbandonare il design della RB20, Waché rivela che il team era convinto di aver raggiunto il limite prestazionale della monoposto 2023.


Leggi anche: F1 | Mercedes spaventa Ferrari: nuovi dati dal Bahrain


È una scelta basata fondamentalmente sui numeri”, spiega il braccio destro di Newey. “Sapevamo che gli altri avrebbero seguito il nostro concetto di auto e noi non potevamo migliorarlo ulteriormente. Così abbiamo scelto di cambiarlo”.

Una scelta anche di prospettiva, dato che la monoposto di quest’anno sarà la base anche per il 2025.

Se vuoi una base da sviluppare devi scommettere. Avremmo potuto aspettare ma abbiamo deciso di rischiare tutto sin da subito. Non si tratta di giocare d’azzardo. Semplicemente ci siamo presi i nostri rischi sapendo di poterci garantire molta più libertà nello sviluppo durante l’anno”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter