Formula 1

F1 | Red Bull, Horner fa il punto sul motore 2026: “Una corsa contro il tempo”

Christian Horner ha parlato dello stato dei lavori sul motore 2026, attualmente in sviluppo nella nuova Red Bull Powertrains.

Il 2026 vedrà grossi cambiamenti regolamentari in F1. Tra questi anche le power unit che verranno profondamente riviste rispetto alle attuali. Sarà una grande sfida per Red Bull dato che, dal 2026, il team guidato da Christian Horner userà un motore proprio, realizzato con la collaborazione di Ford Performance.

motore red bull 2026 powertrains power unit milton keynes christian horner sede max verstappen f1 formula1
Christian Horner © Red Bull Content Pool

Per questo motivo si sono create alcune voci e dubbi attorno alla squadra di Milton Keynes. Fare una power unit “da zero”, e con un cambio di regole così importante, potrebbe infatti portare delle difficoltà nelle performance.

A fare il punto sulla situazione motore 2026, di cui abbiamo gia sentito il primo sound, è intervenuto il TP Red Bull Christian Horner. Parlando a motorsport.com, l’inglese ha sottolineato come i lavori stiano andando secondo i piani.

La fiducia di Horner per il 2026

“Siamo su una curva aggressiva essendo un nuovo costruttore di power unitha spiegato Horner. “La squadra però è assolutamente all’altezza della sfida”.

Le nostre strutture sono complete, sia dal punto di vista dei test che dello sviluppo. Tuttavia due anni nel mondo dei motori sono un periodo di tempo molto breve. Siamo su una curva di apprendimento molto ripida e siamo dove ci aspettiamo di essere in questo momento”.

Stiamo raggiungendo tutti i target che ci siamo posti. È sempre difficile capire come questi obiettivi si collochino rispetto ai nostri concorrenti. Lo sforzo che però si sta facendo dietro le quinte è enorme. È letteralmente una corsa contro il tempo per l’inizio del 2026″.


Leggi anche: F1 | Ing. Mazzola: “Vi dico cosa Hamilton può portare in Ferrari. Newey? Non è Harry Potter”


Le parole di Horner sul motore 2026 lasciano dunque ben sperare i tifosi della Red Bull. La PU infatti rappresenta uan grossa incognita tanto che alcuni l’hanno indicata come uno dei motivi di un possibile addio di Max Verstappen.

Il TP Red Bull tuttavia non è il primo a dare rassicurazioni sul progetto. Anche il direttore di Ford Performance, Mark Rushbrook, aveva infatti sottolineato il buon avanzamento degli sviluppi.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Copertina © Red Bull Content Pool