Formula 1

F1 | Red Bull, il Bahrain è solo l’inizio: in arrivo un aggiornamento che potrebbe far davvero paura

La Red Bull vincitrice in Bahrain è solo l’inizio del mondiale 2024, che si preannuncia dominato, ancora una volta dal team austriaco.

In Bahrain, la Red Bull ha portato a casa la prima vittoria stagionale. E siamo certi ne arriveranno molte altre. “Max Verstappen era su un’altra galassia”, aveva commentato Toto Wolff.

L’olandese ha iniziato il mondiale così come aveva concluso quello passato: tagliando il traguardo per primo. Stavolta, il distacco è mostruoso: 22,4 secondi dal secondo classificato, il suo compagno di squadra Sergio Pérez.

Credits: Oracle Red Bull Racing

Mentre gli appassionati di Formula 1 temono che sarà solo l’inizio di un altro mondiale dominato completamente da Verstappen, il team di Milton Keynes si prepara ad affilare gli artigli.

AMUS (Auto Motor Und Sport) riporta voci interessanti dal paddock. Secondo quanto si apprende, diverse indiscrezioni in Bahrain rivelano che la Red Bull avrebbe intenzione di portare un grosso pacchetto aggiornamenti per Imola. In realtà, la rivista parla di “tappe europee”, e nello specifico fa il nome del GP dell’Emilia Romagna.

Il suddetto upgrade, sempre stando alle pagine di AMUS, promette di essere “un grande passo in avanti” per la Red Bull. Quando gli è stato chiesto informazioni in più al riguardo, Helmut Marko è stato criptico nella sua risposta, senza nascondere un sorriso: “Vedremo.”

GP Bahrain 2024: come si è conclusa la gara?

“Siamo ancora nella fase si apprendimento della nuova vettura”, ha ammesso il consulente della Red Bull. E a proposito della vittoria in Bahrain: “Il fatto che possiamo già festeggiare un simile successe dovrebbe preoccupare un po’ gli avversari.”

Doppietta Red Bull a parte, Carlos Sainz ha conquistato il primo podio per la Ferrari nel suo anno da “separato in casa.” Giù dal gradino, Charles Leclerc, che era partito secondo. Entrambi i piloti della Rossa hanno riscontrato problemi al sistema frenante che hanno cercato di gestire come potevano.

Crediti immagine di copertina: Jacopo Moretti per F1InGenerale

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter