Formula 1

F1 | Retroscena Ricciardo in Arabia Saudita: che disastro quel pit stop! – VIDEO

Un video interessante, non mostrato in tv, mostra cos’è realmente successo a Daniel Ricciardo durante il suo pit stop in Arabia Saudita.

“Chissà perché capitano tutte a me”, probabilmente questo è stato il pensiero di Daniel Ricciardo, non appena ha effettuato quel pit stop disastroso in Arabia Saudita.

Non un weekend semplice per il pilota Visa CashAPP Racing Bulls – per gli amici, VCARB. La scuderia, però, non ha neanche brillato. C’erano aspettative molto alte per il team guidato da Laurent Mekies, tanto che qualcuno aveva scommesso di vedere una delle due macchine nella top 5.

Credits: PlanetF1

Niente di tutto ciò. Dopo l’inizio sottotono in Bahrain, culminato con le liti via radio (e in pista) tra Daniel Ricciardo e Yuki Tsunoda, nel weekend in Arabia Saudita c’è stato quel pit stop a compromettere la gara dell’australiano.

Nel video che vi mostriamo in fondo all’articolo, si vede il pilota #3 tornare ai box, approfittando del regime di safety car. Qualcosa, però, va storto. I meccanici impiegano più del previsto. Dopo aver montato un set di gomme nuove, Ricciardo rimane ancora fermo. Non si tratta neanche di traffico: le altre monoposto ripartono senza indugio, e non sembrano essercene altre davanti.

Il problema pare essere nelle anteriori, che i meccanici non riescono a fissare. Infatti, nel video, la macchina dell’australiano viene spostata diverse volte, quasi per sistemare qualcosa nel retro.

“Abbiamo avuto un pit stop davvero lento“, ha commentato Daniel Ricciardo a fine gara. “Alla fine anche io ho fatto un errore, col testacoda in curva 1.”

Il pit, della durata di oltre 40 secondi, non è stato mostrato dalle telecamere della Formula 1, ma è stato invece ripreso dall’on board dello sfortunato australiano. Partito dalla quattordicesima posizione, complice il pit stop lentissimo, Ricciardo ha terminato il Gran Premio dell’Arabia Saudita in sedicesima.

Crediti immagine di copertina: F1 TV

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter