Formula 1

F1 | Sainz asfalta Drive to Survive con un paragone eccellente

Drive to Survive non gode di una bella reputazione da parte degli appassionati di Formula 1, e anche i piloti non sono da meno: ecco cosa ne pensa Carlos Sainz.

Carlos Sainz è solo uno dei tanti piloti di Formula 1 a cui non piace il modo in cui Drive to Survive distorce la realtà. In Formula 1 ci sono rivalità e battaglie su pista, eppure Netflix le ha rese delle vere e proprie lotte per il potere, tra piloti buoni e cattivi, come se fosse un blockbuster hollywoodiano.

Al podcast Nude Projects, dove ha ripercorso la sua vita e la sua carriera, il #55 della Ferrari ha condiviso la sua opinione sulla docuserie: “Netflix ha creato queste battaglie. Ci sono, ma loro esagerano.”

cappellino sainz gp spagna 2024
Carlos Sainz – Credits: Scuderia Ferrari

Quando i due conduttori gli hanno chiesto se per caso ne avesse parlato con gli altri piloti, Sainz ha discusso del suo rapporto con Lando Norris. E a proposito del modo in cui è stato reso sullo schermo:

“Noi siamo colleghi che vanno molto d’accordo. Siamo rivali e colleghi. Nella quarta stagione hanno realizzato questo episodio in cui sembriamo tipo arci nemici.” Evidenziando come abbiano esagerato molte cose, il madrileno ha tirato fuori un paragone eccellente:

“Voglio dire, sembra che dobbiamo ucciderci a vicenda! Eravamo compagni di squadra e sembrava che Lando Norris fosse il giovane pilota che era venuto per spodestare Carlos Sainz perché si odiavano a morte. Totalmente da Hollywood.”

Lui e l’ex McLaren si sono poi confrontati, come ha spiegato al podcast: “Abbiamo visto l’episodio e l’abbiamo pensata allo stesso modo. Abbiamo riso come matti. Anche un vero fan che segue la Formula 1 da molto tempo, che ne conosce i dettagli, e sa come funziona questo sport, si sarà fatto una bella risata.”

Sainz è convinto che i produttori di Netflix “sapevano di dover prendere una frase da lì e un’altra da quest’altra parte e creare una rivalità.”

Crediti immagine di copertina: Associated Press

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter