A TCFormula 1Interviste F1

F1 | Scandalo corruzione a Singapore, le parole del Governo sul Gran Premio 2024

Uno scandalo corruzione colpisce il Gran Premio di Singapore di F1: il Governo prova a rassicurare tifosi ed investitori.

Gran Premio di Singapore di F1, uno scandalo corruzione colpisce il Paese meno corrotto del Mondo. Secondo quanto riportato dai giornali locali, il Ministro dei Trasporti S. Iswaran si è dimesso dal proprio incarico, dovendo fronteggiare 27 capi d’accusa in relazione a degli scambi con Ong Beng Seng, miliardario malese e proprietario dei diritti del Gran Premio.

F1 corruzione scandalo Gran Premio Singapore
Carlos Sainz, vincitore del GP di Singapore 2023 su Ferrari – Ferrari Media Centre

La corruzione colpisce laddove sembrava impensabile. Secondo il Corruption Perceptions Index 2022, Singapore è nella Top 5 dei Paesi meno corrotti al Mondo, a pari merito con la Svezia. A farla da padrone, in questa speciale classifica, è la Danimarca, seguita da Finlandia, Nuova Zelanda e Norvegia. Per misura, l’Italia è 41esima, a pari merito con Repubblica Ceca, Georgia e Slovenia.

L’accusa rivolta all’ormai ex-ministro S. Iswaran è di aver ricevuto delle tangenti dal magnate immobiliare Ong Beng Seng. Sui fatti sta indagando il CPIB (Corruption Practices Investigation Bureau). Iswaran avrebbe goduto di voli sull’aereo privato del miliardario malese e biglietti per il Gran Premio di Singapore, di cui lui stesso era consigliere.


Leggi anche: F1 | Ford-Red Bull, il CEO Jim Farley sicuro: “La Formula 1 come negli anni ’70”


Essere accusati di corruzione, in un Paese come Singapore, è un fatto grave. Benché S. Iswaran abbia dichiarato di essere deciso nel voler riabilitare il suo nome e Ong Beng Seng non sia stato accusato di alcun illecito, il Governo è subito corso ai ripari per quanto riguarda il Gran Premio, rassicurando organizzatori, tifosi ed investitori.

Tutti i preparativi per il Gran Premio di F1 di Singapore del 2024, previsto dal 20 al 22 settembre 2024, sono in corso – ha riferito il Ministro del Commercio e dell’IndustriaNon c’è nulla che possa far pensare che i contratti per la F1 o altri contratti siano stati strutturati a svantaggio del governo“. Lo show andrà avanti, quindi, così come il contratto per il Gran Premio, che scadrà nel 2028.

Foto Copertina: Ferrari Media Centre

Seguici in Live Streaming su kick.com/f1ingenerale